1899

1899 (2022) on IMDb

1899

I passeggeri di una nave di immigrati in viaggio verso il nuovo continente rimangono intrappolati in un misterioso enigma quando trovano una seconda nave alla deriva in mare aperto.

GUARDA LA SERIE
1899 | 17 novembre 2022 (Italia) 9.2

Photos


See all photos >>

TRAMA

1899 è una serie televisiva tedesca in streaming horror e mistero del periodo epico creata da Jantje Friese e Baran bo Odar . È stato presentato in anteprima su Netflix il 17 novembre 2022.
Segue un gruppo di migranti europei che viaggiano da Londra su una nave a vapore per iniziare una nuova vita a New York City . Incontrano un’altra nave migrante alla deriva in mare aperto e il loro viaggio inizia a trasformarsi in un incubo.
Il budget per la serie era di almeno 60 milioni di euro, con 2 milioni di euro provenienti da Medienboard Berlin-Brandenburg , 10 milioni di euro provenienti dal German Motion Picture Fund, e Netflix che ha investito 48 milioni di euro nel progetto. 1899 è la serie televisiva tedesca più costosa di tutti i tempi.

 

EPISODI
1. La nave
Maura aiuta una donna incinta. Il capitano prende una decisione coraggiosa dopo aver ricevuto un messaggio da una nave perduta e scopre qualcosa di sconvolgente.

2.Il ragazzo
Data trasmissione: 17 novembre 2022
Il capitano sperimenta flashback inspiegabili. Uno strano uomo segue Maura nella sua capanna dove si nasconde un ragazzo. Un insetto porta a una tragedia sul ponte.

3. La nebbia
Data trasmissione: 17 novembre 2022
Una ragazza e altri passeggeri subiscono un terribile destino. Olek libera Ling Yi da una scatola. Il capitano fa una scoperta che sfida la sua fiducia in Maura.

4. La lotta
Data trasmissione: 17 novembre 2022
Diversi membri dell’equipaggio e passeggeri cercano il ragazzo sulla nave dopo aver rinchiuso il capitano, Olek, Jérôme e Ramiro. Il segreto di Krester viene rivelato.

5. La chiamata
Data trasmissione: 17 novembre 2022
Maura ha terribili flashback e fa una mossa scioccante. Un suono induce alcuni passeggeri a saltare fuori bordo. Maura fa una scoperta su suo padre.

6. La piramide
Data trasmissione: 17 novembre 2022
Tove ha flashback spaventosi e vuole uccidere il ragazzo. Daniel segue Maura e il capitano in uno strano posto. Il padre di Maura appare con un messaggio.

7. La tempesta
Data trasmissione: 17 novembre 2022
Daniel chiede a Maura qualcosa che lei non capisce. Olek e Ling Yi guidano la nave prima che accada una tragedia. L’identità di Elliot viene alla luce.

8. Il tasto
Data trasmissione: 17 novembre 2022
Maura racconta ai passeggeri un’incredibile verità. Quindi, i loro ricordi cambiano e Daniel cambia un codice. Maura affronta una realtà inaspettata.

Maura Franklin si sveglia su una nave, chiamata Kerberos , diretta a New York. Come la maggior parte degli altri passeggeri, ha un segreto. È lì per scoprire cosa è successo a Prometeo, la nave scomparsa quattro mesi fa, quando è scomparso anche suo fratello. Mentre cerca di mantenere segreta agli altri la sua connessione con la nave, soffre di momenti di “problema tecnico nella matrice”. Nel tentativo di dargli un senso, le cose si complicano quando Prometeo viene ritrovato in mezzo all’oceano, abbandonato, senza alcun segno di vita.
Con l’aiuto del capitano Eyk, Maura cerca di dare un senso a quello che potrebbe essere successo a Prometeo. Tuttavia, presto si scopre che la loro stessa nave è piena di più segreti di quanto immaginassero. Anche l’arrivo di un ragazzo misterioso agita le cose a Kerberos mentre ne conseguono violenza e morte. L’unica persona che sembra avere tutte le risposte è il padre di Maura, Henry, che si rivela una persona molto sfuggente.
Uno dei più grandi colpi di scena di “1899” è la rivelazione che tutto ciò che è accaduto ai passeggeri di Kerberos non è reale. In realtà è una simulazione, il che significa che tutti i conflitti, le morti e le perdite, e forse anche i ricordi, che i passeggeri hanno vissuto sono accaduti solo nelle loro menti. Poiché l’intera natura degli eventi è così contorta, naturalmente, tutti si chiedono chi abbia realizzato questa simulazione. E soprattutto, perché l’hanno fatto?
All’inizio sembra che dietro a tutto ci sia il padre di Maura, Henry Singleton. Lo incontriamo per la prima volta nel secondo episodio in cui viene mostrato mentre controlla il resto dei passeggeri. Anche Maura lo menziona, dicendo che è stata la sua compagnia ad acquistare le navi e che lui l’ha usata insieme ai passeggeri in qualche contorto esperimento. Crede che, poiché suo fratello ha scoperto i vili piani del padre, Henry gli abbia fatto qualcosa e abbia rimosso i ricordi di Maura. Tuttavia, alla fine, questo si rivela solo uno strato di un mistero molto complicato.
Il Creatore, menzionato per la prima volta dal ragazzo, non è Henry, ma Maura. Tornata nel mondo reale, ha vissuto con suo marito, Daniel, e il loro figlio, Elliot. Le cose erano andate benissimo per loro finché Elliot non si era ammalato e non c’era cura per la sua condizione. Maura non sopportava l’idea di perdere suo figlio, così ha trovato il modo di stare con lui per sempre. Ha creato una simulazione in cui loro tre potevano vivere come una famiglia felice e sana. Sebbene Daniel non si sentisse così bene per il rifiuto di sua moglie di accettare la realtà della situazione del figlio, decise comunque di andare avanti con il suo piano.
Per la loro prima simulazione, Daniel e Maura hanno creato una stanza dei giochi per Elliot. Quando si è rivelato un successo, hanno deciso di costruire mondi più grandi, che potessero sembrare esattamente come quelli reali. Lentamente, la portata della simulazione di Maura si è allargata e le cose hanno cominciato a sfuggire di mano. Ad un certo punto, Henry è stato coinvolto nel progetto, ma aveva intenzioni diverse.
Come menziona Maura in una conversazione con Eyk, Henry amava sua moglie più dei suoi figli. Sua moglie è caduta preda dell’Alzheimer che ha lentamente cancellato i suoi ricordi fino a quando non ha dimenticato tutti quelli che aveva amato. La sua morte colpì duramente Henry e invece di rivolgersi ai suoi figli in cerca di conforto, decise di dedicarsi allo studio dei misteri del cervello. Il progetto di Maura di creare interi mondi da una simulazione sembrava una grande idea da esplorare. Quindi, una volta dentro, ha deciso di prendere il controllo.
Le cose hanno anche funzionato a favore di Henry perché Maura ha scelto di dimenticare alcune cose del suo passato. Nel tentativo di farle ricordare, Daniel le dice che voleva dimenticare il dolore, motivo per cui ha cancellato il ricordo di suo figlio. Questo è ciò che Henry usa a proprio vantaggio e crea un’altra simulazione, quella con le navi, come esperimento. Tuttavia, scopre presto che anche lui è coinvolto nella simulazione e Maura è l’unica con una via d’uscita.
Il risveglio da una simulazione richiede un lucchetto e una chiave. La piccola piramide che Elliot ha è la serratura e la chiave è con Maura. Poiché Maura ha perso la memoria, non ricorda nemmeno dove teneva la chiave. Nella speranza di attivare la sua memoria e farle ricordare la posizione della chiave, Henry esegue la stessa simulazione in loop. Così, Maura diventa il passeggero di una nave diretta dall’Europa a New York nel 1899. Henry la controlla costantemente, sperando che possa avere un’idea di dove o quale potrebbe essere la chiave.
Ogni simulazione dura una settimana, il tempo in cui la nave dovrebbe raggiungere la sua destinazione, e ogni volta fallisce. Tutti questi cicli vengono salvati negli archivi e, per il ciclo successivo, viene messa in evidenza una nuova nave e tutto si ripete da capo. Poiché Maura è costretta a dimenticare ogni simulazione, lei e tutti gli altri passeggeri ricominciano da zero e ripetono gli stessi errori. Questo fino a quando Daniel non si presenta e inizia a confondere con il ciclo. Gli ci vogliono diverse iterazioni per farlo, ma alla fine ci riesce, e se non tutto, almeno i ricordi dell’ultima simulazione rimangono depositati nel cervello di Maura e lei finalmente si sveglia, liberandosi dalla prigione che lei stessa ha creato, solo per rendersi conto che c’è di più nella realtà che si è lasciata alle spalle.
Mentre rivela la vera natura della situazione in cui sono tutti intrappolati, Henry racconta a Elliot della volta in cui Maura ha letto dell’allegoria della caverna di Platone . L’idea la confonde così tanto che inizia a chiedersi se una persona possa davvero sapere se la sua percezione del mondo è reale o solo inventata dalla sua mente. Quando suo padre cerca di semplificare le cose usando il concetto di Dio, lei si fa altre domande. Se Dio è il creatore della loro realtà e loro non sono altro che bambole con cui giocare, allora la stessa regola non si estende alla realtà di Dio? Chi lo ha creato e chi sta burattinando la sua realtà?
È con questo pensiero che ci lascia ‘1899’, l’idea di una simulazione nella simulazione nella simulazione. Le navi ei passeggeri erano all’interno della simulazione creata da Henry. Lo stesso Henry era in una simulazione creata da Maura. Se questo la rende la creatrice, allora sorge la domanda: chi ha creato la sua simulazione? Chi è il Dio della sua realtà? Daniel risponde quando dice a Maura che al di fuori della loro simulazione, suo fratello, Ciaran, ha preso il controllo dell’intero progetto. Ciò significa che il Creatore è in realtà Ciaran. Ha il controllo dell’intera faccenda e ha giocato per conto suo con Maura, Henry, Daniel e ogni altra persona nei diversi livelli di simulazione.

Mentre parlano della natura della realtà, Maura e Daniel discutono se le cose dentro la propria testa costituiscono la realtà o le cose che stanno accadendo fuori. Maura crede che sia il cervello a percepire le cose che accadono dentro e fuori di esso. Senza il cervello che lo elabora, non c’è differenza tra vero e falso. Daniel, tuttavia, crede che mentre uno può essere catturato nella loro testa, è ciò che sta accadendo fuori che è reale. Alla fine, Maura si rende conto di questo fatto.
Per tutto questo tempo, era stata coinvolta nella realtà fabbricata dalla sua mente. Tutte le cose che crede siano reali – le navi, i passeggeri, il fatto che non possa avere figli – sono in realtà tutte false. La maggior parte di loro sono falsi ricordi, ma non c’è modo che lei possa dire la differenza. In realtà, si trova all’interno di una simulazione. Quindi, mentre il suo cervello le fa credere di essere in giro per il mondo, in realtà è legata a un posto. E come Daniel ha affermato in precedenza, questa è la realtà.
Maura ha creato la simulazione per farla finita con il suo dolore, ma le cose sono andate fuori dal suo controllo. Alla fine, scopre che nemmeno suo padre ha più il controllo. È bloccato all’interno della simulazione proprio come lei e ogni altro passeggero della nave. All’esterno è Ciaran, suo fratello, che ha assunto il controllo dell’intero progetto. Ed è qui che le cose si complicano.
Anche quando Maura si sveglia dalla simulazione del 1899, è chiaro che non ricorda ancora tutto. I suoi ricordi originali sono ancora fuori dalla portata della sua mente. Ricorda solo cosa è successo nell’ultimo giro e cosa le ha detto Daniel della loro vita insieme. Quindi, quando si ritrova fuori da quel posto e su un’astronave che sfreccia nello spazio, la sorpresa sul suo viso rivela che anche questo non ha fatto nulla per risvegliare i suoi ricordi. Poiché Maura è ancora all’oscuro dei suoi ricordi e del mondo a cui apparteneva, possiamo presumere che la natura della sua realtà sia ancora in discussione.
Quando Daniel dice che Ciaran ha rilevato l’intero progetto ed è quello che controlla le cose ora, non sappiamo quanto controllo stia effettivamente esercitando sulle persone nella simulazione. Poiché ora sta orchestrando tutto e apparentemente non ha fatto alcun tentativo per portare sua sorella fuori dalla simulazione, sembra che preferirebbe che rimanesse lì il più a lungo possibile. Per rendere le cose più difficili a lei e agli altri, è possibile che Ciaran abbia creato uno o più livelli di simulazione. Resta da vedere perché lo stia facendo, ma chiaramente non desidera ancora che la realtà prenda il sopravvento per Maura.
Mentre Maura si sveglia duecento anni nel futuro farebbe pensare che sia effettivamente uscita dalla simulazione, la differenza di tempo non fa nulla per dimostrare che questa è la sua realtà. Per quanto ne sappiamo, Maura potrebbe appartenere alla nostra stessa epoca ed è la simulazione che l’ha portata nel futuro. Anche il fatto che l’ultima scena, appena prima che inizino i titoli di coda, imiti le scene di “sveglia” dei passeggeri, aggiunge benzina a questo fuoco.
Vediamo lo stesso simbolo del triangolo, che è apparso durante lo spettacolo, negli occhi di Maura, con la stessa rotazione della telecamera. Ciò significa che ha superato un ostacolo e si è avvicinata di poco alla realtà. Anche se resta da vedere quante altre di queste simulazioni saranno lanciate lungo la sua strada prima che possa finalmente iniziare a fidarsi del suo cervello e dare un’occhiata a come appare la realtà al di fuori della sua mente.

Mentre Maura riesce finalmente a lasciare la nave (solo per finire su un’altra), il destino degli altri passeggeri rimane alquanto incerto. Le persone più importanti per lei durante l’intero viaggio risultano essere Eyk ed Elliot. Il capitano di Kerberos gioca un ruolo fondamentale nell’aiutare Maura a capire cosa stava succedendo intorno a loro. Elliot, d’altra parte, è il pezzo del puzzle che la mente di Maura sembra aver creato per lei. Dove finiscono entrambi quando la stagione si conclude?
Anche se a Henry sarebbe piaciuto controllare le simulazioni e usarle per i propri esperimenti, non gli piace essere bloccato in una di esse. Dopo che nessuno dei suoi soliti metodi ha funzionato e ha messo le mani su Elliot, offre a Maura una scelta. In cambio di suo figlio, dovrebbe consegnare la chiave che permetterà a Henry di svegliarsi. Daniel escogita un piano per modificare il codice e, nel frattempo, la simulazione inizia a concludersi e si sposta negli archivi. È qui che Maura si riunisce con Eyk, che è stato gettato negli archivi da Daniel.
Mentre il resto dei passeggeri decide di trovare un modo per scendere dalla nave, Maura ed Eyk cercano di trovare l’ufficio di Henry. La loro ricerca li porta alla memoria di Daniel, da dove passano ai ricordi di altri passeggeri fino a quando non finiscono in quella di Maura. Qui si confrontano con Sebastian, che sapeva tutto da sempre. Quando Eyk lo attacca, preme un pulsante sul telecomando ed Eyk cade a terra. Sembra che sia privo di sensi, forse anche morto, ma non lo è. Sebastian disattiva semplicemente la sua simulazione, il che significa che Eyk non si sveglierà fino alla prossima. Non è morto, è semplicemente in un coma temporaneo fino a quando non viene svegliato per ripetere di nuovo lo stesso ciclo.
In seguito, Maura viene portata da Henry, dove scopre che Elliot non è più dalla sua parte. Henry ha mostrato a Elliot che è stata Maura a creare la simulazione e a intrappolarli tutti. Ora, Elliot vuole solo uscirne, tuttavia, il suo piano di svegliarsi usando la chiave di sua madre viene sventato perché Daniel cambia il codice appena in tempo. Mentre la simulazione viene distrutta, troviamo Maura che si sveglia con i suoi ricordi nella stanza dei giochi di Elliot. Suo figlio, invece, subisce la stessa sorte del resto dei passeggeri.
Nella sua memoria, Elliot scopre che sua madre gli ha iniettato la cosa che ha cancellato i suoi ricordi. Proprio come tutti gli altri, anche lui è in una simulazione, il che significa che quando la simulazione finisce, anche questa sua versione si disintegra. Ora si sveglierà quando verrà attivata la prossima simulazione, ma nel mondo reale Elliot non esiste. Mentre è vero che Daniel e Maura avevano un figlio, viene anche rivelato che Elliot era un malato terminale. Maura ha creato la simulazione per stare con suo figlio, ma ci sono indizi durante lo spettacolo che rivelano che Elliot è morto prima che ciò potesse accadere.
Il fatto che Maura lasci andare volentieri la memoria per “dimenticare il dolore” è l’indizio più grande. A conferma, abbiamo la tomba di Elliot. Nel mondo reale, è sepolto sotto di esso, motivo per cui, nella simulazione, la sua stanza dei giochi si presenta nello stesso posto. In una scena scopriamo che questo è lo stesso punto in cui Elliot e Maura hanno trascorso un picnic insieme, dove ha trovato Alfred l’insetto e poi, come consigliato da sua madre, l’ha lasciato libero. Il posto ha un’importanza sentimentale per Maura, motivo per cui ha senso che abbia seppellito suo figlio lì. Quindi, mentre Elliot si presenta ancora nella simulazione, dove avrebbe potuto essere scritto solo come un altro codice, è morto nel mondo reale.

 

 

 

 

1899

Questo è il primo progetto a cui il German Motion Picture Fund ha assegnato la sua somma massima di finanziamento, 10 milioni di euro.

1899

1899. Un piroscafo migrante si dirige a ovest per lasciare il vecchio continente. I passeggeri, un miscuglio di origini europee, uniti dalle loro speranze e sogni per il nuovo secolo e il loro futuro all'estero. Ma il loro viaggio prende una svolta inaspettata quando scoprono un'altra nave di migranti alla deriva in mare aperto. Ciò che troveranno a bordo trasformerà il loro viaggio verso la terra promessa in un terrificante incubo. —Netflix _

Critics & Awards

Cosa dice di questa serie tv la stampa internazionale

1899 SOUNDTRACK

‘1899’ è girato in Germania e in Inghilterra, in particolare a Potsdam e Londra. Mentre le riprese di prova dell’obiettivo si sono svolte a novembre 2020, le riprese principali per l’iterazione inaugurale sono iniziate ufficialmente il 3 maggio 2021 e si sono concluse il 5 novembre dello stesso anno. Inizialmente, gli showrunner avevano programmato di visitare vari paesi come Spagna, Polonia e Scozia, ma la pandemia ha interrotto questo piano e ha aperto la strada a qualcosa di rivoluzionario. 

‘1899’ è probabilmente una storia di fantasia sviluppata per lo schermo da Baran bo Odar e Jantje Friese, che fanno anche parte del gruppo di sceneggiatori, che comprende Emma Ko, Coline Abert, Emil Nygaard Albertsen, Jerome Bucchan-Nelson, Juliana Lima Dehne, Joshua Long e Darío Madrona. Secondo quanto riferito, lo spettacolo era in lavorazione dal 2018 e l’ulteriore sviluppo è iniziato a pieno regime nel 2020. Due aspetti significativi giocano un ruolo cruciale nella narrazione generale. Il primo è l’intento di scrivere un racconto paneuropeo che coinvolga persone di varie nazionalità. Il secondo è creare un puzzle intrigante con mistero e azione .

No, Prometeo e Kerberos non erano vere navi. Sebbene esistesse una vera nave britannica di nome HMS Prometheus che fu varata nel 1898, i suoi viaggi non furono così misteriosi come quelli delle navi nel “1899”. Quindi, è probabile che la somiglianza nei loro nomi sia solo una coincidenza. Le navi della serie Netflix potrebbero essere ispirate alle storie di quelle vere scomparse nell’oceano. Mentre numerosi casi sono venuti alla luce, due significativi condividono una stretta somiglianza con la storia del “1899”.

1899 SUI SOCIAL

Join the #1899Netflix discussions on our Discord server! Read More

Nov 17 2022, 12:36 pm

#1899Netflix is trending on Twitter! https://t.co/ZS2te89lII Read More

Nov 17 2022, 11:09 am

RT @NetflixFR: 1899. Par les créateurs de DARK. C’est dispo. _ _ ... Read More

Nov 17 2022, 11:02 am

RT @TheGabbyWong: A little chat I had with @JamesMottram for @SCMPNews about acting, motherhood and... Read More

Nov 17 2022, 11:02 am

RT @1899Netflix: Go behind the scenes and see how the creators of “Dark” used groundbreaking... Read More

Nov 17 2022, 10:50 am

15k! Thank you. 🥰⚓️ Read More

Nov 17 2022, 9:49 am

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »