FOUR LIVES

Four Lives (2022) on IMDb BBC

[imdb]tt7428760[/imdb]

Uno sguardo alle conseguenze di quattro omicidi perpetrati da Stephen Port tra il 2014 e il 2015.

1 STAGIONE + 3 EPISODI + 2022 + CRIMINE + MISTERO + REGNO UNITO

Created by Neil McKay
Directed by David Blair

Four Lives – Cast e Personaggi Principali

ALTRI ATTORI

Tim Preston as Anthony Walgate
Jakub Svec as Gabriel Kovari
Leo Flanagan as Daniel Whitworth
Paddy Rowan as Jack Taylor
Michael Jibson as DC Slaymaker
Memet Ali Alabora as Sami Sak
Daniel Ryan as Adam Whitworth
Rufus Jones as John Pape
Ian Puleston-Davies as Karl Turner MP
Giselle Cullinane as Barbara Denham
Ben Cartwright as Det. Sgt. O’Donnell
Isabella Laughland as China
Alexa Davies as Kiera
Shaun Thomas as Paul
Jack Pierce as Acting DI Rolf Schamberger
Ella Kenion as Mandy Pearson
Jaime Winstone as Donna Taylor
Stephanie Hyam as Jenny Taylor
Holly Aird as Jeanette Taylor
Jason Done as a Barking Police Sergeant

SERIE TV ITALIA

FOUR LIVES – TRAMA

Four Lives è una serie televisiva, andata in onda per la prima volta dal 3 al 5 gennaio 2022 su BBC One. Segue la storia vera delle famiglie di quattro giovani gay (Anthony Walgate, Gabriel Kovari, Daniel Whitworth e Jack Taylor) che nel 2014 e nel 2015 furono assassinati da Stephen Port.
Di fronte ai fallimenti della polizia metropolitana in molti hanno combattuto per la giustizia dei loro cari. Stephen Merchant interpreta il serial killer Port con Sheridan Smith nei panni di Sarah Sak, la madre di Anthony Walgate, la prima vittima di Port.

Episodio 1
Due giovani vengono trovati morti a Barking, Londra. Il primo, Anthony Walgate, si trova fuori dall’appartamento di Stephen Port. La polizia suggerisce che la morte potrebbe essere stata un’overdose di droga, ma i suoi amici a Londra e la sua famiglia a Hull non sono convinti. La madre di Walgate pensa che ci sia di più nel caso di quanto la polizia stia lasciando intendere e crede che suo figlio possa essere stato assassinato. Gli amici di Walgate rivelano anche che lui avrebbe incontrato un uomo conosciuto su un sito web di escort maschi, ma da allora non è stato ascoltato e sono frustrati dal fatto che la polizia sembri più interessata alla vita sessuale di Walgate che alla natura della sua morte. La seconda vittima Gabriel Kovari dalla Slovacchia, viene trovata da un dog sitter nel cimitero della vicina chiesa. Kovari si era trasferito nell’appartamento di Port, ma poco prima della sua morte aveva confidato al vicino di Port che trovava intimidatorio il suo comportamento. Port viene arrestato per aver mentito, avendo detto alla polizia di non conoscere Walgate prima di cambiare la sua storia per affermare che i due hanno fatto sesso dopo che Walgate aveva preso lui stesso le droghe, ma viene rilasciato su cauzione……….

1 stagione

FOUR LIVES – EPISODI

FOUR LIVES – TRAILER

RECENSIONI

FOUR LIVES

“Un resoconto schiacciante della negligenza della polizia con un profondo senso di umanità (…) ” 
Jonathon Wilson: Ready Steady Cut

“I crimini del ‘Grindr killer’ Stephen Port sono drammatizzati in questo superbo dramma – ma, soprattutto, le sue vittime sono umanizzate (…) “
Anita Singh: Telegraph

“Four Lives non è una visione piacevole. Né è unico nel suo genere produzione o narrazione (…) Ma il suo interesse per la vita delle persone colpite tocca (…) un vero imbarazzo per la polizia metropolitana (…) “
London Evening Standard

Four Lives
Titolo cambiato da The Barking Murders a Four Lives per onorare le vittime. Inoltre, i creatori pensavano che il titolo precedente potesse suonare troppo come un convenzionale dramma di procedura di polizia.
Four Lives
Four Lives

FOUR LIVES SUI SOCIAL

[fts_twitter tweets_count=6 cover_photo=no stats_bar=no show_retweets=no show_replies=no search=#FourLives]

Personaggi

Stephen Port

Stephen Port (nato il 22 febbraio 1975) è uno stupratore seriale e serial killer britannico condannato. È responsabile dell’omicidio di quattro uomini e di più stupri. Port è stato condannato all’ergastolo con l’ergastolo il 25 novembre 2016, il che significa che non sarà mai rilasciato.
Port è nato a Southend-on-Sea, nell’Essex. Quando aveva un anno, si trasferì a Dagenham, nell’East London, dove è cresciuto e dove vivono ancora i suoi genitori È stato descritto come un “solitario” ed è stato spesso vittima di bullismo a scuola durante la sua infanzia. Dopo aver lasciato la scuola, all’età di 16 anni, andò al college d’arte, ma si rivelò troppo costoso per i suoi genitori e invece trascorse due anni ad allenarsi come chef. Si è dichiarato gay poco più che ventenne. Ha vissuto con i suoi genitori fino ai trent’anni, poi ha vissuto da solo in un appartamento a Barking, Londra, e ha lavorato come chef in un deposito di autobus Stagecoach a West Ham. Port è apparso anche brevemente in un episodio del programma televisivo MasterChef. È stato descritto come avente un aspetto atletico al momento degli omicidi a causa del fatto che andava regolarmente in palestra. Era calvo e lo mascherava in pubblico indossando un toupet biondo. Il parrucchino è stato fissato in modo professionale e ha aumentato la sua sicurezza quando incontrava altri uomini.
Port ha incontrato le sue vittime tramite social network gay e bisessuali online e app di incontri o collegamenti e ha costruito biografie in cui ha fatto false affermazioni sul suo passato, inclusa una in cui fingeva di essersi laureato all’Università di Oxford e di aver prestato servizio nella Royal Navy . In un altro ha dato la sua occupazione di insegnante per bisogni speciali. Port ha usato l’acido gamma-idrossibutirrico (GHB), una droga per stupro, aggiungendolo alle bevande date alle sue vittime, le ha violentate e ne ha uccisi quattro nel suo appartamento a Barking. L’accusa ha affermato che “gli esami post mortem sui quattro giovani che sono morti hanno rivelato che ciascuno era morto per overdose di droga con alti livelli di GHB”, ma Port ha usato di nascosto altri farmaci sulle sue vittime: nitrito di amile (popper), Viagra, mefedrone e metanfetamina (metodo di cristallo). Il cimitero della chiesa di Santa Margherita, Barking: qui sono stati trovati i corpi di tre delle quattro vittime di omicidio. La sua prima vittima di omicidio, Anthony Walgate, 23 anni, uno studente di moda originario di Hull, che a volte ha lavorato come scorta, è stato contattato da Port il 17 giugno 2014 fingendo di essere un cliente e ha offerto £ 800 per i suoi servizi; in seguito si sono incontrati alla stazione di Barking. Nel suo appartamento Port ha drogato Anthony con GHB e lo ha violentato; Walgate è morto dopo aver ricevuto un’overdose fatale del farmaco. La mattina presto del 19 giugno, Port ha trascinato il corpo sul marciapiede fuori dal suo appartamento e ha usato il proprio telefono cellulare per chiamare un’ambulanza. Non fornendo il suo nome, ha detto a un operatore che era passato in macchina e aveva visto un “ragazzino” che era “svenuto o aveva avuto un attacco epilettico o era ubriaco” per strada. Port tornò quindi al suo appartamento. Poco prima delle 8:00 Walgate è stato dichiarato morto. Le prove che collegavano Port alla morte di Walgate erano perse in questo momento. Port è stato condannato per aver pervertito il corso della giustizia nel marzo 2015 perché il suo resoconto della morte alla polizia variava. È stato condannato a otto mesi, ma è stato rilasciato a giugno ed è stato etichettato elettronicamente. Tra agosto 2014 e settembre 2015 Port ha ucciso altri tre uomini: Gabriel Kovari, 22 anni, che si era trasferito a Londra dalla Slovacchia e aveva vissuto brevemente con Port; Daniel Whitworth, 21 anni, di Gravesend nel Kent, che ha lavorato come chef; e Jack Taylor, 25 anni, che viveva con i suoi genitori a Dagenham e lavorava come autista di carrelli elevatori. I corpi della seconda e della terza vittima furono ritrovati nel cimitero della chiesa di Santa Margherita d’Antiochia a Barking, dalla stessa donna in diverse occasioni a passeggio con il cane; l’ultima vittima è stata trovata nel parco adiacente al cimitero. Port aveva piantato una falsa nota di suicidio accanto al corpo di Whitworth che suggeriva che fosse responsabile della morte di Kovari, la precedente vittima, e che si fosse ucciso per colpa. Port ha utilizzato una serie di siti e app di collegamento a Internet come mezzo per contattare inizialmente le sue vittime, tra cui Sleepyboy, Grindr, Hornet, Fitlads, Badoo, Gaydar, Flirt, DaddyHunt, PlanetRomeo, Manhunt, Slaveboys e CouchSurfing.

Nel 2019 è stato annunciato che la BBC avrebbe prodotto un thriller drammatico intitolato The Barking Murders, scritto da Neil McKay, che si sarebbe basato sull’indagine condotta dalle famiglie delle vittime di Port. Stephen Merchant avrebbe interpretato Port mentre Sheridan Smith e Jaime Winstone avrebbero recitato in ruoli secondari. Nel gennaio 2021 è stato annunciato che la trasmissione del programma, già filmato e ora chiamato Four Lives, sarebbe stata ritardata fino al completamento delle indagini sulla morte delle vittime di Port, che a loro volta erano state ritardate a causa del coronavirus. La serie è andata in onda a gennaio 2022.

Translate »