SUCCESSION

      Succession Soundtrack - 'Succession Main Title' - Nicholas Britell
Westworld (2016– ) on IMDb

SUCCESSION

Sebbene non abbia intenzione di farsi da parte come capo di Waystar Royco, il conglomerato mediatico internazionale controllato dalla sua famiglia, l'anziano patriarca Logan Roy sta contemplando cosa riserva il futuro. È rimasto sotto i riflettori più a lungo di quanto pensasse, e ora i membri della famiglia vogliono dirigere l'azienda come meglio credono. Nonostante un piano di successione ben preparato, gli animi si infiammano per le intenzioni di Logan. Kendall Roy, il figlio maggiore di Logan dal suo secondo matrimonio e presidente di divisione dell'azienda, è l'erede apparente. Mentre Kendall tenta di consolidare la sua eventuale acquisizione, lui e gli altri tre figli di Roy affrontano una scelta difficile poiché il controllo dell'azienda e la lealtà familiare si scontrano.

GUARDA LA SERIE SU NOWTV

scheda

  • STAGIONI 4
    STATO Continua
    PRIMA MESSA IN ONDA 3 giugno 2018
    SOCIETÀ DI PRODUZIONE Gary Sanchez Productions Hyperobject Industries Project Zeus
    RETE HBO
    DURATA MEDIA EPISODI 59 minuti
    GENERI Commedia Dramma
    PAESE D’ORIGINE Stati Uniti d’America
    LINGUA ORIGINALE Inglese
    POSIZIONE GEOGRAFICA America/Stati Uniti Europa Città di New York
    CARATTERISTICHE DELLA TRAMA Tradimento Infedeltà
    TIPI DI RELAZIONE Famiglia mista Fidanzato fidanzata Bromance Fratello/fratello Fratello sorella Collaboratori Famiglia Padre figlia Figlio del padre Marito moglie
    COLLOCAMENTO Grande città Posto di lavoro
    SOTTOGENERE Commedia oscura
    PERIODO DI TEMP Oanni 2010 anni 2020
    TIPO O FORMATO TV Commedia basata su una storia Dramma basato su una storia

    CANDIDATURE AI PREMI
    BAFTA Awards, Miglior programma internazionale, 2019 (vincitore)
    Adam McKay per i Primetime Emmy Awards, Miglior regia per una serie drammatica, 2019
    Primetime Emmy Awards, Miglior serie drammatica, 2019
    Jesse Armstrong per i Primetime Emmy Awards, Miglior sceneggiatura per una serie drammatica, 2019 (vincitore)
    Kieran Culkin per i Golden Globe, miglior attore non protagonista – serie, miniserie o film per la televisione, 2019
    Matthew Macfadyen per i Critics’ Choice Awards, miglior attore non protagonista in una serie drammatica, 2019
    Jesse Armstrong per i Primetime Emmy Awards, Miglior sceneggiatura per una serie drammatica, 2020 (vincitore)
    Primetime Emmy Awards, Miglior serie drammatica, 2020 (vincitore)
    Kieran Culkin per i Primetime Emmy Awards, miglior attore non protagonista in una serie drammatica, 2020
    Cherry Jones per i Primetime Emmy Awards, miglior attrice ospite in una serie drammatica, 2020 (vincitore)
    Matthew Macfadyen per i Primetime Emmy Awards, miglior attore non protagonista in una serie drammatica, 2020
    Andrij Parekh per i Primetime Emmy Awards, Miglior regia per una serie drammatica, 2020 (vincitore)
    Mark Mylod per i Primetime Emmy Awards, Miglior regia per una serie drammatica, 2020
    James Cromwell per i Primetime Emmy Awards, miglior attore ospite in una serie drammatica, 2020
    Writers Guild of America Awards, Miglior serie drammatica, 2020 (vincitore)
    Brian Cox per i Golden Globe, miglior attore in una serie televisiva drammatica, 2020 (vincitore)
    Kieran Culkin per i Golden Globe, miglior attore non protagonista – serie, miniserie o film per la televisione, 2020
    Jeremy Strong per i Primetime Emmy Awards, miglior attore protagonista in una serie drammatica, 2020 (vincitore)
    Golden Globe Awards, Miglior serie televisiva drammatica, 2020 (vincitore)
    Sarah Snook per i Primetime Emmy Awards, Miglior attrice non protagonista in una serie drammatica, 2020B
    rian Cox per i Primetime Emmy Awards, miglior attore protagonista in una serie drammatica, 2020
    Nicholas Braun per i Primetime Emmy Awards, miglior attore non protagonista in una serie drammatica, 2020
    Harriet Walter per i Primetime Emmy Awards, miglior attrice ospite in una serie drammatica, 2020
    Sarah Snook per gli Screen Actors Guild Awards, Miglior interpretazione di un’attrice in una serie drammatica, 2022
    Matthew Macfadyen per i Critics’ Choice Awards, miglior attore non protagonista in una serie drammatica, 2022
    Robert Pulcini per i Directors Guild of America Awards, Miglior risultato alla regia in una serie drammatica, 2022
    Susan Soon He Stanton per i Writers Guild of America Awards, miglior dramma a episodi, 2022
    Tony Roche per i Writers Guild of America Awards, miglior dramma a episodi, 2022
    Nicholas Braun per i Critics’ Choice Awards, miglior attore non protagonista in una serie drammatica, 2022
    Writers Guild of America Awards, Miglior serie drammatica, 2022
    Primetime Emmy Awards, Miglior serie drammatica, 2022 (vincitore)
    Kieran Culkin per gli Screen Actors Guild Awards, Miglior interpretazione di un attore in una serie drammatica, 2022
    Lorene Scafaria per i Directors Guild of America Awards, Miglior risultato alla regia in una serie drammatica, 2022
    Golden Globe Awards, Miglior serie televisiva drammatica, 2022 (vincitore)
    Brian Cox per gli Screen Actors Guild Awards, Miglior interpretazione di un attore in una serie drammatica, 2022
    Hope Davis per i Primetime Emmy Awards, miglior attrice ospite in una serie drammatica, 2022
    Alexander Skarsgård per i Primetime Emmy Awards, miglior attore ospite in una serie drammatica, 2022
    Andrij Parekh per i Directors Guild of America Awards, Miglior risultato alla regia in una serie drammatica, 2022
    Jeremy Strong per gli Screen Actors Guild Awards, Miglior interpretazione di un attore in una serie drammatica, 2022
    Kevin Bray per i Directors Guild of America Awards, Miglior risultato alla regia in una serie drammatica, 2022
    Jesse Armstrong per i Primetime Emmy Awards, Miglior sceneggiatura per una serie drammatica, 2022 (vincitore)
    Lorene Scafaria per i Primetime Emmy Awards, Miglior regia per una serie drammatica, 2022
    Cathy Yan per i Primetime Emmy Awards, Miglior regia per una serie drammatica, 2022
    Mark Mylod per i Primetime Emmy Awards, Miglior regia per una serie drammatica, 2022
    Mark Mylod per i Directors Guild of America Awards, Miglior risultato alla regia in una serie drammatica, 2022 (vincitore)
    Shari Springer Berman per i Directors Guild of America Awards, Miglior risultato alla regia in una serie drammatica, 2022
    Matthew Macfadyen per i Primetime Emmy Awards, miglior attore non protagonista in una serie drammatica, 2022 (vincitore)
    Harriet Walter per i Primetime Emmy Awards, miglior attrice ospite in una serie drammatica, 2022Kieran Culkin per i Primetime Emmy Awards, miglior attore non protagonista in una serie drammatica, 2022
    Kieran Culkin per i Critics’ Choice Awards, miglior attore non protagonista in una serie drammatica, 2022 (vincitore
    )Critics’ Choice Awards, Miglior serie drammatica, 2022 (vincitore)
    Producers Guild of America Awards, miglior produttore di episodi di televisione drammatica, 2022 (vincitore)
    Brian Cox per i Golden Globe, miglior attore in una serie televisiva drammatica, 2022
    Brian Cox per i Critics’ Choice Awards, miglior attore in una serie drammatica, 2022
    Sarah Snook per i Critics’ Choice Awards, migliore attrice non protagonista in una serie drammatica, 2022 (vincitrice)
    J. Smith-Cameron per i Critics’ Choice Awards, migliore attrice non protagonista in una serie drammatica, 2022J.
    Smith-Cameron per i Primetime Emmy Awards, Miglior attrice non protagonista in una serie drammatica, 2022
    Arian Moayed per i Primetime Emmy Awards, miglior attore ospite in una serie drammatica, 2022
    Brian Cox per i Primetime Emmy Awards, miglior attore protagonista in una serie drammatica, 2022
    Jeremy Strong per i Primetime Emmy Awards, miglior attore protagonista in una serie drammatica, 2022
    Screen Actors Guild Awards, Miglior interpretazione di un ensemble in una serie drammatica, 2022 (vincitore)
    Jeremy Strong per i Golden Globe, miglior attore in una serie televisiva drammatica, 2022 (vincitore)
    Sarah Snook per i Golden Globe, migliore attrice non protagonista – serie, miniserie o film per la televisione, 2022 (vincitore)
    Jeremy Strong per i Critics’ Choice Awards, miglior attore in una serie drammatica, 2022
    Sarah Snook per i Primetime Emmy Awards, Miglior attrice non protagonista in una serie drammatica, 2022
    Adrien Brody per i Primetime Emmy Awards, miglior attore ospite in una serie drammatica, 2022
    James Cromwell per i Primetime Emmy Awards, miglior attore ospite in una serie drammatica, 2022
    Kieran Culkin per i Golden Globe, miglior attore non protagonista – serie, miniserie o film per la televisione, 2022
    Sanaa Lathan per i Primetime Emmy Awards, miglior attrice ospite in una serie drammatica, 2022
    Nicholas Braun per i Primetime Emmy Awards, miglior attore non protagonista in una serie drammatica, 2022

Director

Jesse Armstrong (Creator),

 Adam McKay, Mark Mylod, Andrij Parekh, Adam Arkin, Miguel Arteta, S.J. Clarkson, Shari Springer Berman, Robert Pulcini, Kevin Bray, Cathy Yan, Lorene Scafaria, Becky Martin, Matt Shakman

Screenwriter

Jesse Armstrong, Susan Soon He Stanton, Georgia Pritchett, Jon Brown, Tony Roche, Jonathan Glatzer, Lucy Prebble, Anna Jordan, Ted Cohen, Mary Laws, Will Tracy

Music

Nicholas Britell

Cinematography

Andrij Parekh, Patrick Capone, Chris Norr

Producer

Gary Sanchez Productions, Hyperobject Industries. 

Distributor: HBO

Country

SUCCESSION

CAST E PERSONAGGI

Principale

  • Hiam Abbass nei panni di Marcia Roy (stagioni 1–2; ricorrenti: stagioni 3–4), terza e attuale moglie di Logan Roy. Nata e cresciuta a Beirut , è spesso in disaccordo con i figli di Logan, di cui deve ancora guadagnarsi la fiducia. Ha un figlio, Amir, dal suo primo matrimonio e una figlia da una precedente relazione.
    Nicholas Braun nei panni di Greg Hirsch, il maldestro e dolce ma opportunista nipote del fratello di Logan, Ewan. Greg non ha familiarità con il terreno accidentato che deve percorrere per conquistare Logan e si ritrova a contratto con Tom Wambsgans nella sua ricerca di un posto a Waystar e con la famiglia.
    Brian Cox nei panni di Logan Roy, il miliardario nato a Dundee , fondatore del conglomerato di media e intrattenimento Waystar RoyCo. È un leader sfacciato il cui obiettivo principale è la sua compagnia piuttosto che i suoi quattro figli: Connor, dal suo primo matrimonio, e Kendall, Roman e Siobhan, dal suo secondo matrimonio. È sposato con Marcia, la sua terza moglie.
    Kieran Culkin nei panni di Roman Roy, fratellastro di Connor e figlio di mezzo del secondo matrimonio di Logan. Roman è immaturo, non prende sul serio le responsabilità e spesso si ritrova a mancare del buon senso che suo padre gli richiede. Ciò è probabile perché, come evidenziato in molti episodi, gli abusi di suo padre lo hanno preso di mira. È spesso in disaccordo con suo fratello maggiore Kendall e talvolta sua sorella Shiv, con la quale spesso gareggia per il potere e l’attenzione del padre.
    Peter Friedman nei panni di Frank Vernon, COO e successivamente vicepresidente di Waystar RoyCo, e confidente di lunga data di Logan. Frank è un membro della vecchia guardia di Logan, su cui Kendall fa spesso affidamento per riconquistare il favore di Logan. È il mentore e il padrino di Kendall e non piace a Roman.
    Natalie Gold nei panni di Rava Roy (stagione 1; ricorrenti: stagioni 3-4), l’ex moglie di Kendall e madre dei suoi due figli.
    Matthew Macfadyen nei panni di Tom Wambsgans, il fidanzato di Shiv e poi suo marito; un dirigente Waystar che viene promosso dalla direzione della divisione parchi divertimenti e crociere alla direzione di ATN, il punto vendita globale dell’azienda. Gli piace la sua vicinanza al potere della famiglia Roy, ma è spesso licenziato dalla cerchia ristretta della famiglia. Si ingrazia con quelli più potenti di lui, ma tormenta il suo sfortunato subordinato Greg.
    Alan Ruck nei panni di Connor Roy, l’unico figlio del primo matrimonio di Logan. Per lo più rimosso dagli affari aziendali, si rimette ai suoi fratellastri per la maggior parte delle questioni legate all’azienda e risiede in un ranch nel New Mexico con la sua ragazza più giovane Willa. È incline a manie di grandezza e “ha avuto un interesse per la politica fin dalla giovane età”. Simile ai suoi fratellastri, Connor non ha i migliori ricordi della sua infanzia, poiché ha detto di essere passato tre anni senza vedere Logan quando era bambino.
    Sarah Snook nei panni di Siobhan “Shiv” Roy, la figlia più giovane e unica figlia di Logan. Un faccendiere politico di sinistra , ha lavorato per un certo periodo per il candidato alla presidenza Gil Eavis, le cui opinioni politiche si scontrano con Waystar. Alla fine lascia la politica per concentrarsi sulla costruzione di un futuro a Waystar. È fidanzata e poi sposa Tom, ma la loro relazione è minata dall’infedeltà di Shiv.
    Jeremy Strong nei panni di Kendall Roy, fratellastro di Connor e figlio maggiore del secondo matrimonio di Logan. In qualità di apparente erede di Logan, Kendall fatica a dimostrare il suo valore a suo padre dopo aver combattuto contro l’abuso di sostanze e aver combinato grossi affari. Si sforza di mantenere una relazione con i suoi fratelli, l’ex moglie Rava e i loro figli.
    Rob Yang nei panni di Lawrence Yee (stagioni 1-2), il fondatore del sito Web multimediale Vaulter acquisito da Waystar RoyCo. Ha un grande disprezzo per Waystar e in particolare per Kendall, con il quale è spesso in disaccordo.
    Dagmara Domińczyk nei panni di Karolina Novotney (stagioni 2-4; ricorrenti: stagione 1), capo delle pubbliche relazioni per Waystar RoyCo e membro del team legale dell’azienda.
    Arian Moayed nei panni di Stewy Hosseini (stagione 2; stagioni ricorrenti 1, 3–4), amico di Kendall della Buckley School e Harvard che ora è un investitore di private equity con un posto nel consiglio di Waystar. È segretamente in collaborazione con la rivale di Logan, Sandy Furness.
    J. Smith-Cameron nei panni di Gerri Kellman (stagioni 2-4; ricorrente: stagione 1), il consigliere generale di Waystar RoyCo, che è anche la madrina di Shiv. Diventa una figura mentore per Roman, con il quale condivide anche una connessione sessuale segreta.
    Justine Lupe nei panni di Willa Ferreyra (stagioni 3–4; ricorrenti: stagioni 1–2), la ragazza più giovane di Connor, ex squillo e aspirante drammaturga. 
    David Rasche nei panni di Karl Muller (stagioni 3–4; ricorrenti: stagioni 1–2), chief financial officer di Waystar RoyCo e membro del team legale dell’azienda. 
    Fisher Stevens nei panni di Hugo Baker (stagioni 3-4; ricorrente: stagione 2), un dirigente senior delle comunicazioni per Parks and Cruises incaricato di gestire uno scandalo che coinvolge le compagnie di crociera Brightstar.

TRAMA

Succession è unaserie televisiva drammatica satirica nera creata da Jesse Armstrong . È stato presentato in anteprima il 3 giugno 2018 su HBO . La serie è incentrata sulla famiglia Roy, i proprietari di Waystar RoyCo, un conglomerato globale di media e intrattenimento, che stanno combattendo per il controllo dell’azienda in mezzo all’incertezza sulla salute del patriarca della famiglia, Logan Roy ( Brian Cox ). La serie è stata rinnovata per una quarta e ultima stagione, che debutterà il 26 marzo 2023.
Nel cast della serie ci sono Jeremy Strong nei panni di Kendall, Kieran Culkin nei panni di Roman e Sarah Snook nei panni di Siobhan (“Shiv”), i figli di Logan impiegati dalla compagnia. Matthew Macfadyen interpreta Tom Wambsgans, marito di Shiv e dirigente di Waystar; Nicholas Braun nei panni di Greg Hirsch, pronipote di Logan anche lui impiegato dalla compagnia; Alan Ruck nel ruolo di Connor, il figlio maggiore di Logan; e Hiam Abbass nei panni di Marcia Roy, la terza e attuale moglie di Logan. Nel cast anche Peter Friedman , Natalie Gold e Rob Yang , mentre Dagmara Domińczyk , Arian Moayed ,J. Smith-Cameron , Justine Lupe , David Rasche e Fisher Stevens hanno recitato in ruoli ricorrenti prima di essere promossi al cast principale.
Succession ha ricevuto ampi consensi dalla critica per la sua scrittura, recitazione, colonna sonora, regia, valori di produzione e esame dei suoi argomenti. La serie ha ricevuto numerosi premi e nomination , tra cui il British Academy Television Award per il miglior programma internazionale e due vittorie per entrambi, il Golden Globe per la migliore serie televisiva drammatica e il Primetime Emmy per la migliore serie drammatica nel 2020 e nel 2022. Sia Cox che Strong hanno ricevuto il Golden Globe come miglior attore – serie televisiva drammatica e Snook il Golden Globe come migliore attrice non protagonista – serie, miniserie o film per la televisione, con Strong e Macfadyen che hanno ricevuto i Primetime Emmy Awards per le loro interpretazioni, oltre alle tre vittorie di Armstrong come miglior sceneggiatore per una serie drammatica.
La successione segue la famiglia Roy, proprietaria del conglomerato dei media Waystar RoyCo. Il patriarca della famiglia, Logan Roy (Cox), ha subito un peggioramento della salute. I suoi quattro figli – il figlio maggiore Connor (Ruck), assetato di potere Kendall (Strong), l’irriverente Roman (Culkin) e il politicamente esperto Shiv (Snook) – tutti con vari gradi di legame con la compagnia, iniziano a prepararsi per un futuro senza il padre, e ognuno inizia a competere per la preminenza all’interno dell’azienda.

SUCCESSION- STAGIONI - EPISODI

Se per caso una delle serie tv vincitrici dell’edizione di quest’anno è sfuggita al tuo radar puoi sempre recuperarla: scommettiamo che tra queste c’è succession, la serie tv della hbo che ha letteralmente stracciato la concorrenza portandosi a casa i premi principali tra cui best drama 2019? la trama e le recensioni di succession sono tutte iper-positive ma non aspettarti una serie tv buonista, anzi: i protagonisti sono un clan familiare talmente disfunzionale da far venire il mal di testa.

La trama di succession e i suoi giochi di potere sembrano un po’ quelli che hai amato in game of thrones e infatti la critica le paragona spesso perché l’ascesa dei quattro figli del magnate dei media logan roy (brian cox, che ha vinto il globe come miglior attore in una serie drammatica) ricorda molto la lotta per la conquista del trono dei clan di westeros.

Ma rispetto alle serie dinastiche che l’hanno preceduta, succession risente del clima culturale dei tempi: gli autori hanno preferito liberare il mondo dei ricchi di qualsiasi patina, prediligendo il crudo realismo, che tracima finanche nei dialoghi sbrigativi e apparentemente banali dei protagonisti.

SUCCESSION

Durante la sua intervista dell'agosto 2020 con Terry Gross al programma della National Public Radio "Fresh Air", Cherry Jones ha affermato di essere stata raccomandata per il ruolo di Nan Pierce da uno dei produttori esecutivi di Succession, Frank Rich. Dal 1980 al 1993, Rich è stato critico teatrale per il New York Times, e di conseguenza è stato una delle figure più potenti del teatro di New York in quegli anni (Rich è stato uno dei numerosi critici nel corso degli anni a guadagnarsi il soprannome di "il macellaio di Broadway ", dal momento che una delle sue recensioni negative era spesso sufficiente per chiudere uno spettacolo). Cherry Jones è stata inizialmente conosciuta come attrice teatrale e aveva vinto due Tony prima di essere nominata per uno dei suoi Emmy; mentre chiariva che lei e Rich erano ora colleghi amichevoli sul set di Succession, Jones ha detto a Gross, "vivevamo nella paura e nel terrore di Frank Rich a teatro". Jones ha anche scherzato sul fatto che lei e altre due attrici di Succession che hanno iniziato anche a teatro, Holly Hunter e J. Smith-Cameron, "a un certo punto siamo passati davanti alla sedia del regista di Frank, ed eccolo in bianco e nero: Frank Rich. E noi ... abbiamo rabbrividito solo per vederlo di nuovo in bianco e nero - il suo nome ".

Nel finale della serie di “Succession”, intitolato “With Opens Eyes”, è tempo che i membri del consiglio di Waystar RoyCo si incontrino per una votazione per decidere se la proposta di GoJo di acquisire la società debba essere approvata. L’allineamento di Shiv con Matsson sembra funzionare a suo favore poiché il miliardario tecnologico svedese accetta di nominarla amministratore delegato dell’azienda controllando a distanza l’azienda. Tuttavia, la situazione si ribalta quando Shiv apprende da Kendall che Matsson sta intervistando altri candidati per la posizione di CEO. Di conseguenza, Shiv salta le barche e decide di supportare Kendall, che vuole bloccare la mossa. Con Shiv dalla sua parte, Kendall ha 7 voti su 13, che potrebbero aiutarlo a dissipare Matsson.
Tuttavia, i voti sono in parità 6-6 durante la votazione effettiva, con Shiv che detiene il voto decisivo. Shiv ha i piedi freddi riguardo alla sua decisione di votare contro Matsson anche se lui l’ha tradita e ha scelto suo marito, Tom, come prossimo CEO di Waystar RoyCo . Shiv esce dalla sala conferenze e riflette sulla sua scelta. Alla fine, Shiv non riesce a votare a favore di suo fratello, Kendall, e dei suoi piani per l’azienda. Di conseguenza, Shiv vota “Sì” a favore dell’acquisizione di Waystar RoyCo da parte di Matsson. Quando Kendall ritorna alla riunione del consiglio, la votazione si è conclusa e rimane solo la firma dei documenti. Pertanto, Shiv vota contro suo fratello che rileva l’azienda di suo padre.

Perché Shiv ha votato sì?
Un tema ricorrente in “Succession” è il trauma subito dai fratelli Roy, e alcuni potrebbero sostenere che il trauma trasmesso loro da Logan sia la loro vera eredità. I continui litigi tra i fratelli Roy sono probabilmente una manifestazione di questo trauma. Kendall, Roy e Shiv sono personaggi che, per volontà e per colpa loro, sono destinati a intralciarsi a vicenda poiché condividono tutti il ​​sogno di succedere al padre come CEO di Waystar. Shiv decide di supportare Kendall nel finale quando scopre che Matsson non la nominerà amministratore delegato. Pertanto, la teoria comune secondo cui Shiv preferirebbe che perdessero tutti e tre invece di vedere Kendall vincere la corsa alla successione può essere schiacciata.
Sembra invece che la decisione di Shiv cambi in un momento molto importante del finale. Prima della riunione del consiglio, Shiv, Roman e Kendall sono nell’ufficio di Logan, dove Kendall siede sulla sedia di Logan, anche se con il permesso dei suoi fratelli. Tuttavia, pochi istanti dopo essersi seduto sulla sedia, Kendall allarga le gambe sul tavolo e offre a Stewy il ruolo di presidente del consiglio. Questa azione fa sì che Shiv metta in dubbio la competenza di suo fratello. Inoltre, all’inizio della stagione, Kendall convince dolcemente Shiv a sostenere lui e Roman nel diventare co-CEO ad interim, solo per essere esclusa dal processo decisionale . Quindi, Shiv probabilmente si rende conto che sta per commettere lo stesso errore di fidarsi di Kendall.
Tuttavia, Shiv non decide di votare contro Kendall se non molto più tardi, quando il voto decisivo spetta a lei, e si rende conto che non è troppo tardi per cambiare idea. Inoltre, quando esce dalla riunione del consiglio, le urla e le suppliche di Kendall la convincono dell’incompetenza di Kendall. Il commento di Roman sulla linea di sangue della famiglia Roy che continua con Shiv le fa capire che può ancora detenere un po’ di potere. Dato che Matsson ha scelto suo marito, Tom, come prossimo amministratore delegato, Shiv probabilmente sente di poter controllare Tom più di quanto possa influenzare Kendall. Pertanto, la decisione di Shiv di votare a favore della vendita si riduce a diversi fattori correlati tra loro.

Greg Hirsch, conosciuto anche come Cugino Greg tra i fan, è il pronipote di Logan Roy . Suo nonno è Ewan Roy, il fratello maggiore di Logan. All’inizio dello spettacolo, Greg entra nel difficile terreno aziendale unendosi alla Waystar RoyCo e cerca anche un posto all’interno della famiglia Roy. Si lega a Tom Wambsgans dopo essersi unito a Waystar poiché sono entrambi essenzialmente degli outsider nella famiglia Roy e condividono solo una lontana relazione con Logan, Kendall e Roman Roy. Nel corso delle stagioni, Greg cambia costantemente le sue alleanze per assicurarsi di ottenere una fetta più grande della torta e salire sulla scala aziendale. Tuttavia, alla fine si ritrova proprio accanto a Tom, che non esita a trattare Greg come un servitore personale, come fanno gli altri Roy.
Nella quarta stagione, Greg rimane per lo più in disparte finché non cerca di entrare nei buoni libri di Lukas Matsson, che è pronto ad acquistare Waystar RoyCo. Tuttavia, Greg aiuta anche Kendall a bloccare l’accordo di Gojo per acquisire Waystar poiché teme di poter essere licenziato sotto il nuovo regime. Nel finale della serie, Greg gioca un ruolo importante nell’aiutare Kendall a tornare in gioco dopo che il gioco di Shiv conferma che i membri del consiglio voteranno per vendere Waystar alla società di Matsson, GoJo. Tuttavia, Greg informa Kendall che il posto di amministratore delegato promesso a Shiv sarà dato a qualcun altro, con il risultato che Shiv si allineerà con Kendall solo per rivoltarsi contro di lui durante il voto finale. Alla fine, Tom viene nominato amministratore delegato e il tradimento di Greg è visto come innocuo, con Tom che ammette che manterrà Greg alla Waystar sotto il suo regime.

Qual è il significato del finale di Greg?
Il cugino Greg è considerato uno dei personaggi più imprevedibili di “Succession” e molti fan hanno teorizzato che avrebbe potuto vincere tutto. Tuttavia, anche se Greg non riesce a sedersi sul trono, in qualche modo finisce per risultare vincitore nelle enormi conseguenze della riunione del consiglio che suggella la vendita di Waystar. Nel finale, Greg teme di perdere il lavoro e i bei 200.000 dollari che guadagna all’anno in azienda. Inoltre, Tom informa Greg che anche se rimane a capo dell’ATN, non potrà salvare il lavoro di Greg. Di conseguenza, Greg cerca di aiutare Kendall a bloccare l’accordo . Nel frattempo, Greg riesce ad accedere ai buoni libri di Matsson, il che lo aiuta a salvare la grazia nonostante abbia tradito il gruppo.
Nelle scene finali, Matsson chiama scherzosamente Greg “Giuda” per averlo tradito, ma liquida subito la questione. Più tardi, Tom assicura di coprire le spalle di Greg. Tuttavia, le parole di Tom sono integrate mettendo un adesivo su Greg che significa che ora possiede Greg. Nel corso dello spettacolo, Greg cerca di essere uguale a Tom, data la loro forte amicizia, mentre Tom vede Greg solo come suo subalterno . Man mano che la narrazione procede, Greg raggiunge un livello in cui è difficile per Tom non riconoscerlo e, a un certo punto, Greg ha Tom alla sua mercé.
Il finale di Greg riporta la sua relazione con Tom al punto di partenza, con Tom che essenzialmente ricorda a Greg che quest’ultimo sarà sempre il suo subalterno. Evidenzia anche come Greg non riesca a sferrare il colpo decisivo nonostante abbia la tendenza a tradire gli altri per i propri obiettivi. In un’intervista, l’attore Nicholas Braun che interpreta Greg, ha dichiarato che Greg probabilmente rimarrà al fianco di Tom finché non troverà un’opportunità migliore. Quindi, si può dire con certezza che il finale di Greg rimane fedele al suo personaggio poiché continuerà a servire persone potenti finché non avrà l’opportunità di perseguire i suoi obiettivi e non eviterà di tradire o abbandonare i suoi amici nel farlo.

Get it on Apple Books

SUCCESSION

Le sceneggiature complete e autorizzate, comprese le scene cancellate, del pluripremiato Succession . ** Vincitore di tredici Emmy, cinque Golden Globe, tre BAFTA e un Grammy. ** Con un'introduzione esclusiva del creatore Jesse Armstrong. "La TV più elettrizzante e meravigliosamente oscena che ci sia." Guardian 'Strordinariamente divertente e incisivo.' Empire 'Uno degli spettacoli televisivi dal ritmo più incessante.' Rolling Stone Tutto quello che ho fatto nella mia vita è per i miei figli. Quando Logan Roy, a capo di uno dei più grandi conglomerati mondiali di media e intrattenimento, decide di andare in pensione, ciascuno dei suoi quattro figli adulti segue un'agenda personale che non sempre si sincronizza con quella dei suoi fratelli o del padre. Raccolte qui per la prima volta, le sceneggiature complete di Succession: Season One contengono materiale extra mai visto, tra cui scene cancellate, dialoghi alternativi e indicazioni sui personaggi. Rivelano una visione unica della scrittura, della creazione e dello sviluppo di un film televisivo e di un capolavoro di sceneggiatura.

Listen on Apple Music

8 SERIE TV COME "SUCCESSION" CHE DEVI VEDERE

Translate »