THE CROWN

The Crown (2016) on IMDb

THE CROWN

Tracciando la vita personale e il regno altamente pubblicizzato della monarca britannica, la regina Elisabetta II (Claire Foy), THE CROWN ripercorre la sua ascesa da giovane reale appena sposata nel 1947 a uno dei sovrani più riconoscibili e iconici del mondo, svolgendo i suoi compiti. in un clima di continui cambiamenti sociali e sconvolgimenti politici.

CLICCA QUI - GUARDA LA SERIE TV SU NETFLIX

STAGIONI 6
STATO Continua
PRIMA MESSA IN ONDA 4 novembre 2016
RETE Netflix
DURATA MEDIA EPISODI 55 minuti
GENERI Dramma Storia
PAESE ORIGINARIO Gran Bretagna
LINGUA ORIGINALE Inglese

Director
Peter Morgan (Creator), Stephen Daldry, Philip Martin, Julian Jarrold, Benjamin Caron, Jessica Hobbs, Alex Gabassi, May el-Toukhy, Christian Schwochow, Paul Whittington, Philippa Lowthorpe, Erik Richter Strand, Samuel Donovan

Screenwriter
Peter Morgan, Tom Edge, James Graham, Edward Hemming, Laura Deeley, Jon Brittain, Duncan Macmillan, Amy Jenkins, David Hancock, Malcolm McGonigle, Nick Payne, Meriel Baistow-Clare, Daniel Marc Janes

Music
Rupert Gregson-Williams, Martin Phipps, Lorne Balfe

Cinematography
Adriano Goldman, Ole Bratt Birkeland, Stuart Howell, Frank Lamm, Rasmus Videbæk, Fabian Wagner

Producer
Netflix, Left Bank Pictures, Sony Pictures Television International

Country
United Kingdom

 

CAST PRINCIPALE

Claire Foy (seasons 1–2, featured season 4, guest season 5), Olivia Colman (seasons 3–4), and Imelda Staunton (season 5) as Queen Elizabeth II
Matt Smith (seasons 1–2), Tobias Menzies (seasons 3–4), and Jonathan Pryce (season 5) as Prince Philip, Duke of Edinburgh
Vanessa Kirby (seasons 1–2, guest season 5), Helena Bonham Carter (seasons 3–4), and Lesley Manville (season 5) as Princess Margaret, Countess of Snowdon
Eileen Atkins (season 1) and Candida Benson (guest season 5) as Queen Mary
Jeremy Northam as Anthony Eden (seasons 1–2)
Victoria Hamilton (seasons 1–2), Marion Bailey (seasons 3–4), and Marcia Warren (season 5) as Queen Elizabeth The Queen Mother
Ben Miles (season 1, featured season 2, guest season 5) and Timothy Dalton (featured season 5) as Peter Townsend
Greg Wise (seasons 1–2) and Charles Dance (season 3, featured season 4) as Louis Mountbatten, 1st Earl Mountbatten of Burma
Jared Harris as King George VI (season 1, featured season 2)
John Lithgow as Winston Churchill (season 1, featured seasons 2–3)
Alex Jennings (season 1, featured seasons 2 and 5) and Derek Jacobi (featured season 3) as Prince Edward, Duke of Windsor
Lia Williams (season 1, featured seasons 2 and 5) and Geraldine Chaplin (featured season 3) as Wallis, Duchess of Windsor
Anton Lesser as Harold Macmillan (season 2)
Matthew Goode (season 2) and Ben Daniels (season 3) as Antony Armstrong-Jones, 1st Earl of Snowdon
Jason Watkins as Harold Wilson (season 3)
Erin Doherty (seasons 3–4) and Claudia Harrison (season 5) as Princess Anne
Josh O’Connor (seasons 3–4) and Dominic West (season 5) as Charles, Prince of Wales
Emma Corrin (season 4) and Elizabeth Debicki (season 5) as Diana, Princess of Wales
Gillian Anderson as Margaret Thatcher (season 4)
Stephen Boxer as Denis Thatcher (season 4)
Emerald Fennell (season 4, featured season 3) and Olivia Williams (season 5) as Camilla Parker Bowles
Jonny Lee Miller (season 5) and Marc Ozall (guest season 4) as John Major
Natascha McElhone (season 5) as Penny Knatchbull, Lady Romsey

THE CROWN

The Crown è una serie televisiva drammatica storica sul regno della regina Elisabetta II , creata e scritta principalmente da Peter Morgan e prodotta da Left Bank Pictures e Sony Pictures Television per Netflix . Morgan lo ha sviluppato dal suo film drammatico The Queen (2006) e in particolare dalla sua opera teatrale The Audience (2013). La prima stagione copre il periodo che va dal matrimonio di Elisabettacon Filippo, duca di Edimburgo , nel 1947, alla rottura delfidanzamento di sua sorella, la principessa Margaret , con il capitano del gruppo Peter Townsend nel 1955. La seconda stagione copre il periodo dalla crisi di Suez nel 1956 a il ritiro del primo ministro Harold Macmillan nel 1963 e la nascita del principe Edoardo nel 1964. La terza stagione va dal 1964 al 1977, includei due periodi di Harold Wilson come primo ministro e introduce Camilla Shand . La quarta stagione va dal 1979 al 1990 e comprendeil mandato di Margaret Thatcher come primo ministro e il matrimonio del principe Carlo con Lady Diana Spencer . La quinta stagione va dal 1991 al 1997 e copreil mandato di John Major come primo ministro e la rottura del matrimonio tra Carlo e Diana. La sesta stagione , che chiuderà la serie, coprirà il regno della regina fino al 21° secolo e includerà la morte di Diana e le sue conseguenze, il primo incontro del principe William e Catherine Middleton e il matrimonio del principe Carlo e Camilla Parker. Bowles .

Per ciascuno degli incrementi di due stagioni, nuovi attori ricoprono i ruoli per riflettere il processo di invecchiamento dei personaggi nei periodi di tempo rappresentati. Claire Foy interpreta la regina Elisabetta II nelle prime due stagioni, insieme a Matt Smith nei panni del principe Filippo e Vanessa Kirby nei panni della principessa Margaret. Per la terza e la quarta stagione, Olivia Colman assume il ruolo della regina, Tobias Menzies come principe Filippo e Helena Bonham Carter come principessa Margaret. Al cast della terza stagione si aggiunge anche Josh O’Connor nel ruolo del Principe Carlo. Nella quarta stagione, i nuovi membri del cast includono Emma Corrin nei panni di Lady Diana Spencer e Gillian Anderson nei panni di Margaret Thatcher. Imelda Staunton , Jonathan Pryce e Lesley Manville succedono rispettivamente a Colman, Menzies e Bonham Carter per le ultime due stagioni, mentre Dominic West ed Elizabeth Debicki assumono i ruoli di Charles e Diana.

Le riprese si sono svolte presso gli Elstree Studios di Borehamwood , Hertfordshire, con riprese in esterni in tutto il Regno Unito e a livello internazionale. La prima stagione è stata rilasciata da Netflix il 4 novembre 2016, la seconda l’8 dicembre 2017, la terza il 17 novembre 2019, la quarta il 15 novembre 2020 e la quinta il 9 novembre 2022. La sesta e ultima stagione uscirà a due parti; il primo il 16 novembre 2023 e il secondo il 14 dicembre 2023. Nel 2020 , il budget di produzione stimato di The Crown sarebbe stato di 260 milioni di dollari, rendendola una delle serie televisive più costose di sempre.

The Crown è stato elogiato dalla critica per i suoi valori di recitazione, regia, scrittura, cinematografia e produzione, sebbene le sue inesattezze storiche abbiano ricevuto alcune critiche, in particolare rispetto alla quarta e alla quinta stagione. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti , tra cui un totale di sessantatré nomination ai Primetime Emmy Award per le sue prime quattro stagioni, vincendone ventuno, tra cui Miglior serie drammatica per la sua quarta stagione, e sette premi per il cast. [4] La serie ha anche vinto due volte il Golden Globe Award per la migliore serie televisiva drammatica , alla 74a e 78a cerimonia, con ulteriori vittorie come recitazione per Foy, Colman, Corrin, O’Connor e Anderson.

EPISODI
1.
Data di messa in onda: 16 novembre 2023
Diana va in vacanza a Saint-Tropez con Al-Fayed e si lega a suo figlio Dodi. Charles è distrutto quando la regina non parteciperà alla festa per il cinquantesimo compleanno di Camilla.

2.
Data di messa in onda: 16 novembre 2023
Le telecamere lampeggiano e un circo mediatico vortica mentre Diana e Dodi trascorrono più tempo insieme. Per rappresaglia, Charles organizza una foto paterna con i suoi figli.

3.
Data di messa in onda: 16 novembre 2023
Il padre di Dodi lo esorta a fare la proposta, ma il matrimonio è l’ultima cosa che Diana ha in mente. Più tardi, un inseguimento in macchina ad alta velocità con i paparazzi finisce in un disastro.

4.
Data di messa in onda: 16 novembre 2023
Mentre il mondo piange, il silenzio della regina suscita l’ira e gli avvertimenti di Charles in lutto. Come sarà all’altezza della situazione e farà da madre alla sua nazione?

5.
Data di messa in onda: 14 dicembre 2023
Perseguitato dalla stampa e dalle ragazze adoranti, il quindicenne William fatica a trovare stabilità dopo la morte di Diana. Charles arruola i suoi stessi genitori per aiutare suo figlio.

6.
Data di messa in onda: 14 dicembre 2023
Desiderosa di migliorare l’immagine pubblica della monarchia, la regina cerca l’esperto statista Tony Blair, ma il consiglio del primo ministro sfida il protocollo reale.

7.
Data di messa in onda: 14 dicembre 2023
Ora che è all’università, William mette gli occhi su Kate Middleton. Con genitori intriganti e altre prospettive nel mix, come fiorirà la loro connessione?

8.
Data di messa in onda: 14 dicembre 2023
Dopo una serie di ictus, Margaret in declino ricorda una notte selvaggia con la sorella al Ritz nel 1945, e in seguito festeggia lì il suo settantesimo compleanno.

9.
Data di messa in onda: 14 dicembre 2023
Scossa dalla perdita e diffidente nei confronti del suo Giubileo d’Oro, la Regina si lega a William, che trova il suo equilibrio tra la normalità e la vita sotto i riflettori reali.

10.
Data di messa in onda: 14 dicembre 2023
La Regina dà a Carlo il via libera per sposare Camilla. Incaricata di organizzare il proprio funerale prima del suo ottantesimo compleanno, deve affrontare una crisi esistenziale.

Critics & Awards

Cosa dice di questa serie tv la stampa internazionale

THE CROWN

La regina Elisabetta II aveva gli occhi azzurri, come la sua prima interprete Claire Foy . Dopo che Olivia Colman è stata scelta per il ruolo di Elizabeth, è stata testata con lenti a contatto blu sopra i suoi occhi marroni, ma è stato deciso che influenzavano negativamente la sua performance. È stato testato anche il cambiamento del colore degli occhi in postproduzione, ma secondo i produttori "non sembrava lei. La CGI dei suoi occhi sembrava sminuire ciò che stava facendo". Alla fine si è deciso di accettare l'errore di continuità.

Vecchio
La terza stagione di “The Crown” inizia con l’arrivo del nuovo Primo Ministro per l’Inghilterra. L’anno è il 1964, che si rivela cruciale in diversi modi. Prima di tutto, Winston Churchill muore. Detto questo, ci concentriamo su altre cose immediate, come la minaccia in agguato di una spia sovietica. Il nuovo primo ministro, Harold Wilson, viene messo sotto esame dopo che la regina ha sentito l’odore delle voci su di lui. Ma, alla fine, si scopre che la talpa è a casa sua. Anthony Blunt risulta essere il traditore.

Margaretologia
Dopo aver terminato con le questioni di Blunt, lo spettacolo salta rapidamente al 1965, l’anno in cui la principessa Margaret visitò la Casa Bianca. A questo punto, Lyndon Johnson aveva assunto la presidenza e la guerra del Vietnam era in pieno svolgimento. Il regno della regina si trova in una difficile situazione finanziaria, ma fortunatamente l’abbagliante principessa salva la situazione.

Aberfan
Altro episodio, altro anno. Ora, siamo entrati nell’anno 1966 e questo episodio si concentra sulla tragedia di Aberfan. Ed è qui che “The Crown” rallenta molto. Mentre il resto degli episodi si svolge nel corso di almeno alcune settimane, questo conta fino a otto giorni. Questo, ovviamente, ha tutto a che fare con la trama dell’evento, che è uno dei momenti più importanti del regno della Regina.

Bubbikins
Ora, questo episodio è dove la cronologia, così come gli eventi, diventano un po’ complicati. “The Crown” è basato sulla vita della monarca e della sua famiglia, ma è pur sempre una serie drammatica. Ciò significa che alcune cose devono essere distorte per servire il flusso della storia.
È vero che è stato realizzato un documentario sulla vita quotidiana della casa reale. È vero che doveva riaccendere l’interesse e la passione dei soggetti. È anche vero che la madre del principe Filippo era la principessa Alice e che hanno condiviso uno stretto rapporto nei suoi ultimi anni. Ma qui gli eventi sono un po’ distorti.

Il documentario è stato girato nel corso di molti mesi, anche se potrebbe non sembrare così. Questo episodio inizia nel 1967 e, se la continuità rimane, l’episodio successivo cade da qualche parte nel 1968. Poiché non ci viene fornito un timestamp appropriato, si potrebbe essere indotti a credere che tutti gli eventi di questo episodio siano avvenuti in un anno. Non sarebbe vero.
Il documentario è stato effettivamente pubblicato nel 1969. E anche se ha ricevuto recensioni negative, non c’era davvero un John Armstrong che potesse intervistare la principessa Alice. L’articolo stesso è frutto dell’immaginazione degli autori, anche se buono. Alla fine della puntata, la regina dichiara che il documentario non andrà mai più in onda, né sulla BBC, né da nessun’altra parte, quando si dice che la rete lo manderà in onda di nuovo tra “tre settimane”. Questo dà l’impressione che non sia passato molto tempo dalla messa in onda del documentario. Dovrebbero essere solo un paio di giorni, giusto? Ma ancora una volta, il tempo è stato piegato di proposito. Nella vita reale, l’ultima volta che il documentario è andato in onda è stato nel 1972. Quindi sì, c’è molta improvvisazione qui. È meglio se credi che tutto questo sia successo in una volta sola.

1968-72

Colpo di stato

Gli anni del crepuscolo degli anni ’60 portano tempi interessanti. E inizia con un colpo di stato. È l’anno 1968, siamo ancora coerenti con un salto di anno per episodio. A Mountbatten è stato chiesto di dimettersi dal suo incarico perché il governo vuole tagliare i costi per le forze armate e lui non lo permetterà. L’incapacità del governo di fare qualcosa per lo stato vacillante della nazione e l’impatto e l’influenza di Mountbatten porta Cecil King a credere che sia tempo per un cambio di amministrazione, anche se incostituzionale. Nel frattempo, la regina è in tournée in Francia e poi in America. Poiché gli eventi si svolgono nell’arco della sua vacanza, possiamo presumere che la pianificazione del colpo di stato avvenga entro un mese. E non appena la regina ne viene a conoscenza, annulla tutte le aspirazioni di Mountbatten.

Tywysog Cymru
Questo è l’anno 1969. Molte cose accadono in quest’anno, quindi devi tenere a mente che i prossimi due episodi confluiscono l’uno nell’altro. Il 1° luglio 1969 ebbe luogo la cerimonia di Investitura del Principe di Galles. Ma prima, è stato inviato in Galles per familiarizzare con il luogo e imparare il gallese, per pronunciare il discorso nella lingua. Questo episodio si svolge nel corso di un paio di mesi, che è la durata di un trimestre nell’istruzione del principe Carlo.

Polvere di luna
Terminata la cerimonia, si passa velocemente alla puntata successiva. Ora, potrebbe non sembrare così, ma l’atterraggio sulla luna e l’investitura sono avvenuti abbastanza vicini l’uno all’altro. Il motivo per cui il 1 luglio e il 20 luglio 1969 sembrano così lontani è che lo seguiamo dal punto di vista del Duca di Edimburgo. Il suo sentimento di non appartenenza e di perdita della fede non avviene in dieci giorni, e nemmeno in un mese. È qualcosa che esiste da almeno un anno. Se gli prestassi attenzione negli episodi precedenti, lo sapresti.
Quindi, cancella la cerimonia e torna indietro di almeno un paio di mesi. Questo è quando smette di venire in Chiesa, e poi il prete viene sostituito, e poi si forma il gruppo di terapia, poi Moon Landing. Il trio è venuto a Buckingham Palace in ottobre e la madre del duca è morta a dicembre. Ciò significa che gli eventi di “Moondust” si svolgono nel corso di circa un anno intero, anche se non viene menzionato esplicitamente.

L’uomo penzolante
Con l’estenuante 1969 fuori mano, siamo negli anni ’70 ora. Ed è ora di allacciarsi le cinture perché gli anni passeranno e tu non te ne accorgerai nemmeno! Prima di tutto, Edward Heath diventa primo ministro, cosa che accadde nel 1970. Nel frattempo, la relazione tra il principe Carlo e Camilla Shand decolla. Si erano incontrati a metà del 71, ma gli eventi si muovono avanti e indietro nell’episodio, quindi potrebbe essere un po’ difficile tenerne traccia. L’episodio si conclude con la morte del Duca di Windsor, avvenuta nel 1972.

1973-77

Imbroglio

Camilla e Charles stanno ancora insieme, ma la famiglia lo sa e li separa. La puntata si conclude con il matrimonio di Camilla con Andrea, avvenuto nel 1973, quindi eccoci qua. Un’altra cosa da tenere presente è che anche la Principessa Anna si è sposata nello stesso anno, anche se non è mostrato in “The Crown”. Prendi solo una nota mentale, per scopi futuri. E, ancora una volta, la sequenza temporale è stata manomessa.
La settimana dei tre giorni, che il primo ministro Heath impone di fronte alla crisi del carbone, ha avuto luogo nei primi mesi del 1974. Nello spettacolo, è durante uno dei blackout che la famiglia interroga la principessa Anna e vengono presi accordi per Camilla. e il matrimonio di Andrew. Poco dopo, Heath esce dall’ufficio e Harold Wilson riprende il suo posto. Quindi, dai o dai, ora stai bene nel 1974.

Cri de Coeur
Se il tempo non stava ancora volando, lo farà in questo episodio. Il nono episodio ci ha lasciato a metà del 1974, ma non è proprio qui che inizia questo episodio. La principessa Margaret era stata irritata dalla relazione di suo marito e, su consiglio di un amico, decide finalmente di dedicarsi alla vita amorosa tutta sua.
Ha incontrato Roddy Llewelyn nel 1973. Ed ecco la cosa principale. La relazione è andata avanti per circa otto anni. Sì, tutto ciò che era stato riassunto in mezz’ora circa era in realtà il lasso di tempo di otto anni. La vacanza ai Caraibi è stata nell’estate del 1976. Quando è tornata a casa e ha avuto un grande litigio con Tony, sapeva che era ora di separarsi. Hanno divorziato nel 1978, ma questo non rientra nella sequenza temporale della terza stagione. L’ultima scena menziona il Jubilee Day, il che significa che siamo nel 25 ° anniversario dell’incoronazione della Regina. Questo è successo nel 1977, ed è qui che la nostra cronologia si ferma.

Con il suo stesso partito contro di lei, la Thatcher decide di non scendere senza combattere, ma viene consigliata da tutti di lasciar riposare. Il primo scrutinio non le dà una risposta abbastanza favorevole, e quando le cose arrivano al secondo scrutinio, l’incontro della Thatcher con la regina le fa riconsiderare le sue azioni. Mentre la Gran Bretagna attraversa uno sconvolgimento politico con la Thatcher che affronta il peggior tipo di tradimento, Charles e Diana affrontano ancora più problemi nel loro matrimonio. In precedenza, Diana aveva fatto del suo meglio per compiacere suo marito e riaccendere qualunque amore ci fosse stato nel loro matrimonio.
Ma dopo l’incidente sugli sci, Charles era stato chiarissimo sul fatto che non poteva più vivere con Diana nel loro matrimonio che ora si è trasformato in una facciata senza amore. Alla fine, Diana riprese la sua relazione, e questo diede a Carlo l’opportunità di parlarne con la regina. Esprime la volontà di andare avanti con la separazione, ma anche su questo fronte ci sono molti problemi. La tensione tra loro aumenta con l’imminente viaggio da solista di Diana a New York. Charles crede che lei fallirà completamente, il che gli darà ulteriori motivi per parlare contro di lei.
Tuttavia, Diana fiorisce in America e soddisfa le masse con un’intensità ancora maggiore rispetto a quella che aveva in Australia. Il viaggio è dichiarato un successo delirante, ma Charles non ne è contento. Camilla si rende conto che Diana è troppo amata dal pubblico e che non potrà mai superare la favola che si è creata intorno alla principessa. La gente ama Diana e Charles, lasciandola per Camilla, li metterebbe solo contro l’amante che si frappone tra la coppia reale. Esprime la sua preoccupazione a Charles, dicendogli di non tentare più di rompere il suo matrimonio. Ma questo lo spinge ulteriormente a odiare sua moglie, e diventa ancora più risoluto nel suo sforzo.

La stagione si conclude nel 1990 con la Thatcher che lascia definitivamente Downing Street. Sebbene la regina avesse alcune divergenze con l’ormai ex Primo Ministro, riconosce la grinta della Iron Lady. Si sente malissimo per il modo in cui la Thatcher è stata costretta a lasciare l’incarico e la chiama per l’incontro finale, in modo che possano trovare una certa riconciliazione nella sua partenza. La regina parla del tempo in cui salì al trono e di come gli uomini condiscendenti intorno a lei avevano cercato di guidarla a modo loro.
La regina elogia la Thatcher per aver camminato sugli stessi terreni e aver lasciato il segno di fronte a tutte le difficoltà. Assegna il suo Ordine al merito, un onore che viene conferito solo a ventiquattro destinatari viventi. Thatcher lascia Downing Street in lacrime e segna la fine di un’era per la scena politica del paese. Mentre lo spettacolo finisce qui la sua storia, e probabilmente non la vedrà molto nelle prossime stagioni, la Thatcher non è scomparsa improvvisamente dalla politica. Si è ritirata dalla Camera due anni dopo, nel 1992, e ha continuato a parlare di tutti gli eventi nazionali e internazionali.
Thatcher ha scritto due libri sul suo periodo a Downing Street: “The Downing Street Years” pubblicato nel 1993 e “The Path to Power” pubblicato nel 1995. Ha servito come cancelliere onorario del College of William and Mary e dell’Università di Buckingham. Ha sostenuto la lotta a Saddam Hussein ma ha criticato il modo in cui si è svolta l’invasione dell’Iraq. La Thatcher si è spesso impegnata a parlare in pubblico, ma ha dovuto ritirarsi da quello nel 2002, quando i suoi medici le hanno consigliato di non farlo a causa del suo peggioramento della salute. Suo marito è morto di cancro al pancreas nel 2003.
La salute della Thatcher ha continuato a peggiorare con gli anni e nel 2005 sua figlia ha rivelato che l’ex primo ministro soffriva di demenza. È morta nel 2013, all’età di 87 anni, dopo aver subito un ictus. Al suo funerale hanno partecipato la regina e il duca di Edimburgo. Mentre il capitolo si chiude su Thatcher, i problemi per Charles e Diana sono solo all’inizio. Diana finalmente accetta lo stato condannato del suo matrimonio. Al raduno di Natale, cerca di parlare con la regina ma non ottiene una risposta favorevole.


Ancora una volta, Charles esprime alla madre il desiderio di separarsi da Diana ma riceve in cambio una dura risposta. Phillip cerca di consolare Diana, ma lei chiarisce che se Charles si rifiutasse di venire abbastanza presto (come tutti continuano a prometterle), sarà costretta ad agire severamente per garantire la sua felicità. Spingerà per una separazione formale da lui. La stagione si conclude con grande chiarezza sulla relazione tra Charles e Diana, dove entrambi hanno accettato che la loro unione non li renderà mai più felici.
La storia si conclude nell’anno 1990, proprio a cavallo di un nuovo decennio. Nella stagione successiva si prospetta un periodo molto turbolento per la coppia reale e l’intera famiglia reale. In realtà, si separarono ufficialmente nel 1992 e divorziarono nel 1996. Nel 1997, Diana ebbe un terribile incidente che le costò la vita. La prossima stagione si concentrerà su questo arco narrativo, dandoci maggiori informazioni sul modo in cui si sono svolti gli eventi e su come la famiglia reale li ha affrontati.

Anthony Blunt era un uomo dai molti talenti. Se dai un’occhiata alla sua carriera, lo troverai un uomo distinto, sotto molti aspetti. Ha ricevuto la sua formazione al Marlborough College, dove è entrato in contatto per la prima volta con il mondo delle affiliazioni “segrete”. Entrò a far parte della Società degli Amici, sebbene non avesse nulla a che fare con lo spionaggio, e riguardasse più le riflessioni letterarie dei suoi membri.
Dopo questo, ha ottenuto una borsa di studio al Trinity College, nientemeno che per la matematica. Ma presto passò alle Lingue Moderne, che lo portarono verso l’arte. Si laureò lì nel 1930 e poco dopo iniziò a insegnare francese a Cambridge. Ha continuato a essere un professore ed è diventato il direttore del Courtauld Institute of Art. È noto per aver rivoluzionato l’istituto e molti gli attribuiscono il merito di aver reso l’arte un corso credibile da perseguire. Prima del suo coinvolgimento, non era altro che un hobby a cui dedicarsi.
Blunt è anche noto per avere un occhio per i talenti rari e ha portato alla ribalta artisti allora meno conosciuti esponendo le loro opere in varie sue collezioni d’arte. A causa del suo eccezionale talento per l’arte, fu nominato Geometra di King’s Pictures nel 1945 e continuò a ricoprire l’incarico anche per la regina. Ha curato e gestito la Collezione Reale per circa 27 anni. Nel 1956 fu nominato cavaliere del Royal Victorian Order per il suo contributo all’arte e ad altri servizi.
Ma il suo lavoro non era l’unica cosa che lo legava alla famiglia reale. Era il cugino di terzo grado della regina madre, il che significa che poteva ancora avere accesso alla famiglia reale, considerando quanto fosse stretto il suo rapporto con suo cugino. Ma tutto questo è solo una sua presentazione superficiale. Ciò che lo rende davvero interessante è il suo lavoro nel campo dello spionaggio.
La verità sull’affiliazione di Blunt con i servizi segreti sovietici venne alla luce nel 1964. Aveva lavorato per l’NKVD e aveva fornito molte informazioni riservate nel corso di tre decenni.
Con lo scoppio della seconda guerra mondiale nel 1939, Blunt si arruolò nell’esercito e lavorò persino per l’MI5. Si dice che sia stato reclutato dai sovietici all’inizio degli anni ’30, il che significa che per tutto il tempo in cui ha prestato servizio in guerra, ha fornito informazioni ai suoi veri datori di lavoro. Dopo essere stato arrestato, ha detto di essere stato reclutato da Guy Burgess quando erano a Cambridge. Ma alcuni credono che avrebbe potuto essere anche il contrario. Il nome di Arnold Deutsch salta anche quando si tratta dell’identità della persona che lo ha inserito in questa linea.
Le ragioni del suo tradimento non sono mai diventate chiare. Disse di essere stato influenzato dall’ondata di credenze comuniste e di voler lavorare contro i regimi fascisti, che sembravano essersi impadroniti di vari governi nel mondo. Ma questa scusa non è valida per troppo tempo. Un’altra cosa in cui la gente crede di lui è che fosse omosessuale, il che all’epoca era un reato penale. È interessante notare che anche Guy Burgess era un omosessuale, il che porta le persone a credere che Blunt possa essere stato attirato nello spionaggio sovietico da Burgess da cui Blunt era attratto.
Dopo che l’MI5 venne a conoscenza del suo segreto, confessò. Come mostrato in ‘ The Crown ‘, la regina era stata informata del segreto e l’intera faccenda era stata tenuta lontana dagli occhi del pubblico. Ma non per sempre. Nel 1979, il loro primo ministro Margaret Thatcher lo smascherò in parlamento, e allora era tutto in discesa per la spia.
Gli è stato tolto il titolo di cavaliere, ma non è la cosa peggiore. I restanti anni della sua vita continuarono ad essere per lui il tempo dell’umiliazione e dell’orrore. Era continuamente perseguitato dai giornalisti che volevano scavare nella sua storia. Ha perso tutta la sua credibilità e anche il pubblico non è stato troppo gentile con lui. Si dice che sia stato spinto a pensare al suicidio ma non abbia ceduto alla tentazione. Morì nel 1983, all’età di 75 anni, per un infarto.

 

La principessa Anna, chiamata anche principessa reale, è la seconda figlia della regina d’Inghilterra e del duca di Edimburgo. A partire da ora, è quattordicesima in linea per il trono. È nota per essere la protettrice di centinaia di organizzazioni di beneficenza ed è, infatti, la prima reale britannica a competere alle Olimpiadi.
La sua introduzione nello spettacolo la presenta come la reale più senza pretese di tutte, motivo per cui suo padre pensa che sarebbe la più adatta a rilasciare un’intervista a un uomo che non trova che i suoi diritti valgano i soldi dei contribuenti. Possiamo vedere esattamente quanto non sia assecondata dagli affari della Corona, ma riusciamo a dare un’occhiata al suo ingegno e alla sua intelligenza attraverso i suoi incontri, e soprattutto nel fare la scelta di sua nonna di rilasciare l’intervista che salva la sua famiglia dopo il documentario.
Lo spettacolo si concentra principalmente sulla sua relazione con Andrew Parker Bowles e, una volta soddisfatto lo scopo del suo personaggio, la sequenza temporale si sposta rapidamente dalla sua trama. Ecco le cose che “The Crown” non ha mostrato su di lei. Anche se Bowles era il suo primo ragazzo, le cose chiaramente non erano serie tra loro. Come dice lei, nello show si stava solo divertendo e non aveva il cuore spezzato per il matrimonio di Bowles con Shand. Inoltre, poiché Bowles era cattolico, allora il loro matrimonio non sarebbe stato possibile.
Poco dopo, ha incontrato il capitano Mark Phillips. Entrambi erano appassionati di cavalli e in realtà si sono incontrati a una festa che ha intrattenuto i loro simili. Si sono sposati nel 1973 e hanno avuto due figli. Ma le cose non sono rimaste così bene tra loro a lungo. Entrambi hanno avuto relazioni extraconiugali e questo alla fine ha portato al loro divorzio nel 1992.
Pochi mesi dopo, Anne sposò Timothy Laurence, l’uomo con cui aveva avuto una relazione. Laurence era lo scudiero della regina, il che in realtà indica un tipo specifico per lei. Si erano conosciuti nel 1989 e si erano scritti diverse lettere. La loro corrispondenza segreta era stata pubblicata da un giornale, che la spinse ulteriormente a rompere il suo primo matrimonio. Ma è più contenta e si è sistemata nel suo secondo matrimonio, e da allora per lei è stata una navigazione tranquilla.
Mentre la principessa Anna è uscita dalla relazione con Andrew Parker Bowles, suo fratello ha continuato a far parte di un complicato triangolo amoroso per molto tempo. Il principe Carlo e Camilla Shand hanno avuto una breve relazione mentre Bowles era con Anne. Questo accordo si sciolse presto e Bowles e Shand si sposarono nel 1973. Hanno avuto due figli e, come è successo nel matrimonio di Anne, anche qui entrambe le parti si sono abbandonate agli affari. Hanno divorziato nel 1995. A quel punto la relazione tra Carlo e Camilla era diventata di dominio pubblico e anche il principe aveva divorziato dalla principessa Diana. È noto che Bowles ha avuto molte relazioni mentre era ancora sposato, ma dopo il divorzio si è stabilito con Rosemary Pitman.
La principessa Anna e la duchessa di Cornovaglia, Camilla, sono note per avere rapporti amichevoli con Bowles, che ora è vedovo. Sua moglie è morta di cancro nel 2010.

Get it on Apple Books

Robert Lacey The Crown

Il libro ufficiale della serie drammatica Netflix vincitrice del Golden Globe e del BAFTA, The Crown, con ricerche approfondite, materiale aggiuntivo e fotografie splendidamente riprodotte. «Le cose che ho promesso qui in precedenza le manterrò e le manterrò. Quindi aiutami Dio.' Elizabeth Mountbatten non si sarebbe mai aspettata che suo padre morisse così all’improvviso, così giovane, lasciandola con un trono da occupare e un’istituzione globale da governare. Incoronata a 25 anni, era già moglie e madre. Segui il viaggio di una donna che impara a diventare regina. Mentre la Gran Bretagna usciva dall’ombra della guerra, il nuovo monarca dovette affrontare le proprie sfide. Sua madre dubitava del suo matrimonio; suo zio in esilio derideva le sue capacità; suo marito era risentito per il sacrificio della sua carriera e del suo nome di famiglia; mentre la sorella ribelle intraprendeva una storia d'amore che metteva a repentaglio i legami secolari tra la Chiesa e la Corona. Questa è la storia di come Elisabetta II abbia fatto ricorso a ogni grammo di risolutezza per garantire che la Corona risultasse sempre vincitrice. La serie originale di Netflix The Crown ha drammatizzato il potente ritratto di Peter Morgan del monarca britannico più longevo. Scritto dal biografo reale Robert Lacey, The Crown: The Inside History aggiunge dettagli esperti e approfonditi agli eventi della serie, dipingendo un ritratto intimo della vita all'interno di Buckingham Palace e 10 Downing Street. Ecco Elisabetta II come non l'abbiamo mai vista prima.

Listen on Apple Music

Translate »