THE CROWN

The Crown (2016) on IMDb
the crown

THE CROWN

Segue le rivalità politiche e le vicissitudini romantiche del regno della regina Elisabetta II e gli eventi che hanno plasmato la seconda metà del ventesimo secolo.

GUARDA LA SERIE itv
The Crown | 4 novembre 2016 (Italia) 8.7

Photos


See all photos >>

CAST PRINCIPALE

ALTRI ATTORI

Claire Foy (stagioni 1–2, stagione 4–5), Olivia Colman (stagioni 3–4) e Imelda Staunton (stagione 5) nei panni della regina Elisabetta II 
Matt Smith (stagioni 1–2), Tobias Menzies (stagioni 3–4) e Jonathan Pryce (stagione 5) nei panni del principe Filippo, duca di Edimburgo
Vanessa Kirby (stagioni 1–2), Helena Bonham Carter (stagioni 3–4) e Lesley Manville (stagione 5) nei panni della principessa Margaret, contessa di Snowdon
Eileen Atkins come Queen Mary (stagione 1)
Jeremy Northam nel ruolo di Anthony Eden (stagioni 1–2)
Victoria Hamilton (stagioni 1–2), Marion Bailey (stagioni 3–4) e Marcia Warren (stagione 5) nei panni della regina Elisabetta La regina madre
Ben Miles nel ruolo del capitano del gruppo Peter Townsend (stagione 1, stagione 2 in primo piano)
Greg Wise (stagioni 1–2) e Charles Dance (stagione 3, stagione 4 in primo piano) nei panni di Louis, Earl Mountbatten di Birmania
Jared Harris nel ruolo di Re Giorgio VI (stagione 1, stagione 2 in primo piano)
John Lithgow nel ruolo di Winston Churchill (stagione 1, stagioni presenti 2–3)
Alex Jennings (stagione 1, stagione 2 e 5) e Derek Jacobi (stagione 3) nei panni del principe Edoardo, duca di Windsor
Lia Williams (stagione 1, stagione 2 e 5) e Geraldine Chaplin (stagione 3) come Wallis, duchessa di Windsor
Anton Lesser come Harold Macmillan (stagione 2)
Matthew Goode (stagione 2) e Ben Daniels (stagione 3) nei panni di Antony Armstrong-Jones, conte di Snowdon
Jason Watkins nel ruolo di Harold Wilson (stagione 3)
Erin Doherty (stagioni 3-4) e Claudia Harrison (stagione 5) nei panni della Principessa Anna
Josh O'Connor (stagioni 3–4) e Dominic West (stagione 5) nei panni di Carlo, principe di Galles
Gillian Anderson nel ruolo di Margaret Thatcher (stagione 4)
Emma Corrin (stagione 4) ed Elizabeth Debicki (stagione 5) nei panni di Diana, Principessa del Galles
Stephen Boxer nel ruolo di Denis Thatcher (stagione 4)
Emerald Fennell (stagione 4, stagione 3 in primo piano) e Olivia Williams (stagione 5) nei panni di Camilla Parker Bowles

Stephen Dillane nei panni di Graham Sutherland , un noto artista che dipinge un ritratto dell'anziano Churchill (stagione 1)
Gemma Whelan nei panni di Patricia Campbell, una segretaria che lavora con Lord Altrincham e scrive il suo editoriale (stagione 2)
John Heffernan nei panni di Lord Altrincham , uno scrittore che ha scritto una feroce critica a Elisabetta II (stagione 2)
Paul Sparks nei panni di Billy Graham , un importante predicatore americano che Elizabeth consulta (stagione 2) [21]
Michael C. Hall nei panni di John F. Kennedy , il presidente degli Stati Uniti che visita Elizabeth (stagione 2)
Jodi Balfour nei panni di Jacqueline Kennedy , la first lady degli Stati Uniti che fa visita a Elizabeth (stagione 2)
Burghart Klaußner nei panni del dottor Kurt Hahn , il fondatore di Gordonstoun , dove Philip e Charles andarono a scuola (stagione 2)
Finn Elliot nei panni del principe Filippo in età scolare (stagione 2, stagione 3 ospite)
Julian Baring nei panni del principe Carlo in età scolare (stagione 2)
Clancy Brown nei panni di Lyndon B. Johnson , il presidente degli Stati Uniti dopo Kennedy (stagione 3)
Jane Lapotaire nel ruolo della principessa Alice di Battenberg , la madre di Filippo (stagione 3)
Mark Lewis Jones nel ruolo di Edward Millward , il tutor di lingua gallese del principe Carlo (stagione 3)
Tim McMullan nel ruolo di Robin Woods , il decano di Windsor (stagione 3)
Michael Maloney nel ruolo del Primo Ministro Edward Heath (stagione 3)
Andrew Buchan nel ruolo di Andrew Parker Bowles , l'interesse amoroso di Camilla (stagione 3, stagione ricorrente 4)
Harry Treadaway nei panni di Roddy Llewellyn , il fidanzato della principessa Margaret (stagione 3, stagione ospite 4)
Tom Brooke nei panni di Michael Fagan , un uomo che entra nella camera da letto della regina nel 1982 (stagione 4)
Richard Roxburgh nei panni di Bob Hawke , il primo ministro australiano (stagione 4)
Tom Burke nei panni di Derek "Dazzle" Jennings, un funzionario pubblico e amico della principessa Margaret (stagione 4)
Nicholas Farrell nei panni di Michael Shea , l'addetto stampa di Elizabeth (stagione 4)

THE CROWN

The Crown è una storica serie televisiva in streaming sul regno della regina Elisabetta II, creata e scritta principalmente da Peter Morgan e prodotta da Left Bank Pictures e Sony Pictures Television per Netflix. Morgan lo ha sviluppato dal suo film drammatico The Queen (2006) e in particolare dalla sua opera teatrale The Audience (2013). La prima stagione copre il periodo dal matrimonio di Elisabetta con Philip, Duca di Edimburgo nel 1947 alla disintegrazione del fidanzamento di sua sorella, la principessa Margaret con il capitano del gruppo Peter Townsend nel 1955. La seconda stagione copre il periodo dalla crisi di Suez nel 1956 al pensionamento di Il primo ministro Harold Macmillan nel 1963 e la nascita del principe Edward nel 1964. La terza stagione va dal 1964 al 1977, include i due periodi di Harold Wilson come primo ministro e presenta Camilla Shand. La quarta stagione va dal 1979 all’inizio degli anni ’90 e include il mandato di Margaret Thatcher come primo ministro e il matrimonio di Lady Diana Spencer con il principe Carlo. La quinta e la sesta stagione, che chiuderanno la serie, copriranno il regno della regina nel 21 ° secolo.
Nuovi attori vengono scelti ogni due stagioni. Claire Foy interpreta la regina nelle prime due stagioni, accanto a Matt Smith nei panni del principe Filippo e Vanessa Kirby nei panni della principessa Margaret. Per la terza e la quarta stagione, Olivia Colman assume il ruolo della regina, Tobias Menzies come il principe Filippo e Helena Bonham Carter come la principessa Margaret. Imelda Staunton, Jonathan Pryce e Lesley Manville succederanno rispettivamente a Colman, Menzies e Bonham Carter nelle ultime due stagioni. Le riprese si svolgono presso gli Elstree Studios di Borehamwood, nell’Hertfordshire, con riprese in esterni in tutto il Regno Unito e a livello internazionale. La prima stagione è stata pubblicata da Netflix il 4 novembre 2016, la seconda l’8 dicembre 2017, la terza il 17 novembre 2019 e la quarta il 15 novembre 2020. La quinta stagione è prevista per il 2022. A partire dal 2020, il budget di produzione stimato di The Crown è stato segnalato per $ 260 milioni, rendendola una delle serie televisive più costose della storia.
The Crown è stato elogiato per i suoi valori di recitazione, regia, scrittura, cinematografia e produzione, sebbene le sue inesattezze storiche abbiano ricevuto alcune critiche, in particolare nella quarta stagione. Tuttavia, ha ricevuto riconoscimenti al 23 ° Screen Actors Guild Awards, ha vinto la migliore attrice per Foy nel ruolo principale e il miglior attore per John Lithgow nei panni di Winston Churchill, e ha ottenuto un totale di trentanove nomination per le sue prime tre stagioni al Primetime Emmy Premi, di cui tre per Miglior serie drammatica. La serie è stata nominata per la migliore serie TV drammatica al 77 ° Golden Globe Awards.

STAGIONI - EPISODI

Critics & Awards

Cosa dice di questa serie tv la stampa internazionale

Anthony Blunt era un uomo dai molti talenti. Se dai un’occhiata alla sua carriera, lo troverai un uomo distinto, sotto molti aspetti. Ha ricevuto la sua formazione al Marlborough College, dove è entrato in contatto per la prima volta con il mondo delle affiliazioni “segrete”. Entrò a far parte della Società degli Amici, sebbene non avesse nulla a che fare con lo spionaggio, e riguardasse più le riflessioni letterarie dei suoi membri.
Dopo questo, ha ottenuto una borsa di studio al Trinity College, nientemeno che per la matematica. Ma presto passò alle Lingue Moderne, che lo portarono verso l’arte. Si laureò lì nel 1930 e poco dopo iniziò a insegnare francese a Cambridge. Ha continuato a essere un professore ed è diventato il direttore del Courtauld Institute of Art. È noto per aver rivoluzionato l’istituto e molti gli attribuiscono il merito di aver reso l’arte un corso credibile da perseguire. Prima del suo coinvolgimento, non era altro che un hobby a cui dedicarsi.
Blunt è anche noto per avere un occhio per i talenti rari e ha portato alla ribalta artisti allora meno conosciuti esponendo le loro opere in varie sue collezioni d’arte. A causa del suo eccezionale talento per l’arte, fu nominato Geometra di King’s Pictures nel 1945 e continuò a ricoprire l’incarico anche per la regina. Ha curato e gestito la Collezione Reale per circa 27 anni. Nel 1956 fu nominato cavaliere del Royal Victorian Order per il suo contributo all’arte e ad altri servizi.
Ma il suo lavoro non era l’unica cosa che lo legava alla famiglia reale. Era il cugino di terzo grado della regina madre, il che significa che poteva ancora avere accesso alla famiglia reale, considerando quanto fosse stretto il suo rapporto con suo cugino. Ma tutto questo è solo una sua presentazione superficiale. Ciò che lo rende davvero interessante è il suo lavoro nel campo dello spionaggio.
La verità sull’affiliazione di Blunt con i servizi segreti sovietici venne alla luce nel 1964. Aveva lavorato per l’NKVD e aveva fornito molte informazioni riservate nel corso di tre decenni.
Con lo scoppio della seconda guerra mondiale nel 1939, Blunt si arruolò nell’esercito e lavorò persino per l’MI5. Si dice che sia stato reclutato dai sovietici all’inizio degli anni ’30, il che significa che per tutto il tempo in cui ha prestato servizio in guerra, ha fornito informazioni ai suoi veri datori di lavoro. Dopo essere stato arrestato, ha detto di essere stato reclutato da Guy Burgess quando erano a Cambridge. Ma alcuni credono che avrebbe potuto essere anche il contrario. Il nome di Arnold Deutsch salta anche quando si tratta dell’identità della persona che lo ha inserito in questa linea.
Le ragioni del suo tradimento non sono mai diventate chiare. Disse di essere stato influenzato dall’ondata di credenze comuniste e di voler lavorare contro i regimi fascisti, che sembravano essersi impadroniti di vari governi nel mondo. Ma questa scusa non è valida per troppo tempo. Un’altra cosa in cui la gente crede di lui è che fosse omosessuale, il che all’epoca era un reato penale. È interessante notare che anche Guy Burgess era un omosessuale, il che porta le persone a credere che Blunt possa essere stato attirato nello spionaggio sovietico da Burgess da cui Blunt era attratto.
Dopo che l’MI5 venne a conoscenza del suo segreto, confessò. Come mostrato in ‘ The Crown ‘, la regina era stata informata del segreto e l’intera faccenda era stata tenuta lontana dagli occhi del pubblico. Ma non per sempre. Nel 1979, il loro primo ministro Margaret Thatcher lo smascherò in parlamento, e allora era tutto in discesa per la spia.
Gli è stato tolto il titolo di cavaliere, ma non è la cosa peggiore. I restanti anni della sua vita continuarono ad essere per lui il tempo dell’umiliazione e dell’orrore. Era continuamente perseguitato dai giornalisti che volevano scavare nella sua storia. Ha perso tutta la sua credibilità e anche il pubblico non è stato troppo gentile con lui. Si dice che sia stato spinto a pensare al suicidio ma non abbia ceduto alla tentazione. Morì nel 1983, all’età di 75 anni, per un infarto.

 

La principessa Anna, chiamata anche principessa reale, è la seconda figlia della regina d’Inghilterra e del duca di Edimburgo. A partire da ora, è quattordicesima in linea per il trono. È nota per essere la protettrice di centinaia di organizzazioni di beneficenza ed è, infatti, la prima reale britannica a competere alle Olimpiadi.
La sua introduzione nello spettacolo la presenta come la reale più senza pretese di tutte, motivo per cui suo padre pensa che sarebbe la più adatta a rilasciare un’intervista a un uomo che non trova che i suoi diritti valgano i soldi dei contribuenti. Possiamo vedere esattamente quanto non sia assecondata dagli affari della Corona, ma riusciamo a dare un’occhiata al suo ingegno e alla sua intelligenza attraverso i suoi incontri, e soprattutto nel fare la scelta di sua nonna di rilasciare l’intervista che salva la sua famiglia dopo il documentario.
Lo spettacolo si concentra principalmente sulla sua relazione con Andrew Parker Bowles e, una volta soddisfatto lo scopo del suo personaggio, la sequenza temporale si sposta rapidamente dalla sua trama. Ecco le cose che “The Crown” non ha mostrato su di lei. Anche se Bowles era il suo primo ragazzo, le cose chiaramente non erano serie tra loro. Come dice lei, nello show si stava solo divertendo e non aveva il cuore spezzato per il matrimonio di Bowles con Shand. Inoltre, poiché Bowles era cattolico, allora il loro matrimonio non sarebbe stato possibile.
Poco dopo, ha incontrato il capitano Mark Phillips. Entrambi erano appassionati di cavalli e in realtà si sono incontrati a una festa che ha intrattenuto i loro simili. Si sono sposati nel 1973 e hanno avuto due figli. Ma le cose non sono rimaste così bene tra loro a lungo. Entrambi hanno avuto relazioni extraconiugali e questo alla fine ha portato al loro divorzio nel 1992.
Pochi mesi dopo, Anne sposò Timothy Laurence, l’uomo con cui aveva avuto una relazione. Laurence era lo scudiero della regina, il che in realtà indica un tipo specifico per lei. Si erano conosciuti nel 1989 e si erano scritti diverse lettere. La loro corrispondenza segreta era stata pubblicata da un giornale, che la spinse ulteriormente a rompere il suo primo matrimonio. Ma è più contenta e si è sistemata nel suo secondo matrimonio, e da allora per lei è stata una navigazione tranquilla.
Mentre la principessa Anna è uscita dalla relazione con Andrew Parker Bowles, suo fratello ha continuato a far parte di un complicato triangolo amoroso per molto tempo. Il principe Carlo e Camilla Shand hanno avuto una breve relazione mentre Bowles era con Anne. Questo accordo si sciolse presto e Bowles e Shand si sposarono nel 1973. Hanno avuto due figli e, come è successo nel matrimonio di Anne, anche qui entrambe le parti si sono abbandonate agli affari. Hanno divorziato nel 1995. A quel punto la relazione tra Carlo e Camilla era diventata di dominio pubblico e anche il principe aveva divorziato dalla principessa Diana. È noto che Bowles ha avuto molte relazioni mentre era ancora sposato, ma dopo il divorzio si è stabilito con Rosemary Pitman.
La principessa Anna e la duchessa di Cornovaglia, Camilla, sono note per avere rapporti amichevoli con Bowles, che ora è vedovo. Sua moglie è morta di cancro nel 2010.

THE CROWN SUI SOCIAL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »